Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni leggere la nostra informativa.
Chiudi
Macro fotografia di insetti

Macro Fotografia di insetti

di M. Plonsky (http://www.mplonsky.com/photo/)
tradotto da JJSapido

Version 1.1, 2-17-03. Il presente documento è rintracciabile anche su: PhotoBlink.com, Photo.Net, PhotoSig.com, e in lingua Russa (grazie alla traduzione di A.Voroshilov).
Tutte le informazioni e le immagini presenti in questa pagina sono Copyright © 2003 M. Plonsky, a cui va un caloroso ringraziamento per la disponibilità e la cortesia dimostrate.
Informazioni tradotte con il consenso dell'autore da http://www.mplonsky.com/photo/article.htm

Contenuto

Introduzione           Settaggi Fotocamera
Filosofia   Luce & Flash
Accessori   Cavalletto o No?
Lenti Close-Up (Diottrie)     Come avvicinarsi
Reversing Lens   La camera oscura digitale

Introduzione

Sono un professore (di psicologia sperimentale, non entomologia).
Ho iniziato a fare la scansione di immagini nel lontano 1989 per inserirle nelle slide che proiettavo in classe. Acquistai una fotocamera digitale nel 2000 per foto di famiglia e documentare i comportamenti canini. La fotocamera non si rivelò buona come avrei voluto per la lentezza dell’autofocus ed altre specifiche limitazioni. Nonostante ciò mi piace il digitale perchè rende possibile provare e osservare immediatamente i risultati. La compact flash è come un infinito rullino. Dato il mio passato tendo a ritenere la fotocamera uno scanner da puntare.

Appena presa la fotocamera, la mia (allora) bambina di 5 anni entrò nel mio studio un giorno e mi suggerì di fotografare un insetto che aveva sul suo occhio, e lo facemmo. La foto venne molto peggio dei miei attuali standard, ma ci permise comunque di vedere molti più dettagli di quelli che si potevano osservare ad occhio nudo. Così nacque la mia passione per la macrofotografia. Ci permette di vedere cose che altrimenti non potremmo osservare. Essendo uno scienziato, sono curioso di natura, continuai dunque a scattare foto agli insetti, divertendomi, e migliorando nel contempo le mie foto anche di altri soggetti (cani, familiari, ecc).

I miei maestri di fotografia furono i siti web e i forum ad essa dedicati, a cui sono tutt’oggi grato per le critiche costruttive e gli utili consigli. Spero un giorno di poter vedere pubblicate le mie foto su qualche libro per bambini o qualche altro libro educativo.

Ho scritto questo tutorial, poiché spesso, quando posto le foto su qualche forum, la gente mi chiede come ho fatto. Ma tenete a mente che sono solo un amatore autodidatta, mosso da curiosità insaziabile e gusto per gli esperimenti; così l’acronimo internet “YMMV” (i.e., "Your Milage May Vary") può essere perfettamente applicato.
In conclusione spero che quanto scritto vi sia utile e vi permetta di divertirvi ed ottenere ottime immagini.

 

Filosofia

Molti degli insetti sono fotografati nel loro ambiente naturale, non li uccido, nè li schiaccio, nè li incollo. Talvolta sposto qualche foglia o qualche arbusto per ottenere una visione migliore. Sempre meno spesso proverò a spostare gli insetti in posti diversi. Non ultimo, gli insetti son sempre vivi quando li fotografo e solo raramente li fotografo su muri o altre strutture umane.

La cosa più importante per ottime foto di insetti è lavorare con una luce favorevole. Adoro particolarmente i primi piani, gli sfondi naturali e le fotografie dell’insetto intero con uno sfondo pulito e perfettamente sfocato.

 

Accessori

Sono disponibili alcune immagini degli accessori.

 

Lenti Close-Up (Diottrie)

Una lente close-up (diottria) permette alla fotocamera di ottenere un fuoco più stretto di quello che normalmente avrebbe, ciò consente dunque all’immagine di apparire più grande perché ci si può avvicinare maggiormente al soggetto. In altre parole le diottrie si comportano esattamente come una comune lente d’ingrandimento.

Le lenti close-up possono essere montate in sequenza per ottenere un potere ingranditore maggiore, io personalmente ne ho montante fino a raggiungere +27. Tuttavia il problema e che usando così tante lenti la qualità finale dell’immagine risulta peggiorata e la DOF viene ridotta drasticamente, arrivando ad essere dello spessore di un foglio di carta. Un altro problema con le diottrie è che bisogna avvicinarsi molto di più al soggetto riducendo di parecchio quella che è chiamata “distanza di lavoro”, ovvero la distanza che intercorre fra obiettivo e insetto. Per aumentare la distanza di lavoro, personalmente sono solito agganciare alle lenti close-up un teleconvertitore 2xTC, così facendo posso lavorare a maggior distanza senza disturbare l’insetto e permettendomi di cercare la luce migliore con maggiore facilità. Il problema è che col 2xTC perdo parte dell’ingrandimento.

Ho provato numerose combinazioni di lenti, poiché alcune lavorano bene in combinazione, ma altre no. Per esempio, ho provato le diottrie dopo il 2xTC, ma il risultato era poco nitido.

 

Reversing Lens

Sebbene l’uso di più lenti close-up mi abbia permesso di scattare ottime foto con un buon ingrandimento, non sono mai stato realmente soddisfatto della tecnica. Infatti non trovo una buona idea usare più di 2 o 3 lenti contemporaneamente, poiché difficilmente otterrei la qualità desiderata.

Avevo letto di una tecnica che permetteva di ottenere ottimi ingrandimenti invertendo un normale obiettivo da SLR, in un articolo scritto da Chris Breeze e Guy Parsons, così come in il libro di John Shaw "Close-ups in Nature " A volte questa tecnica è chiamata "macro dell'uomo povero".

Per fare questo, in primo luogo, avete bisogno dell'eventuale adattatore adatto alla vostra macchina con filettatura per montare eventuali filtri, seguito da una cosiddetta ghiera di inversione (che ha filetti maschi da entrambi i lati). Ciò vi permette di girare l'obiettivo e avvitarlo alla ghiera di inversione dal lato della lente più grande. I link dove potete trovare questa apparecchiatura sono stati presentati nella sezione Accessori. (In Italia è ormai prodotto solo più da una ditta, quindi può essere difficile reperirlo in breve tempo, tuttavia ordinandolo al vostro fotografo di fiducia ne sarete proprietari entro breve per pochi euro).

Innanzi tutto ho provato questa tecnica con un obiettivo Canon 35-80mm F4.5, ma vignettava troppo (cioè compariva un cerchio visibile circondato da una maschera nera). Così sono andato in un negozio di fotografia con la mia macchina fotografica per cercare un obiettivo da 50mm (cioè, normale). Così comprai un obiettivo Pentax 50mm F1.4. F1.4 significa che è un obiettivo veloce (cioè, risulta molto luminoso). Di conseguenza dà una vignettatura minima (che appare come un leggero scurirsi degli angoli). Aggiornamento: Sembra che lo zoom aumentato della Canon G3 a differenza di quello della G1 abbia eliminato completamente la vignettatura.

L'obiettivo invertito funge da potente diottria (circa +25) ed ha un'alta qualità. Devo lavorare a circa 2.5 cm dall'insetto con questa tecnica. Inoltre, devo avere la fotocamera digitale sullo zoom massimo. Ho regolato il 50mm all'apertura più larga (nel caso del mio Pentax è F1.4) ed ho regolato il fuoco all'infinito. Quindi faccio il resto con la mia macchina fotografica. Aggiungo che a volte uso una diottria subito prima dell'obiettivo invertito giusto per ottenere ancora un po' di ingrandimento.

 

Settaggi Fotocamera

Qualche consiglio:

  1. Usare il fuoco manuale. Bloccato il fuoco, bisogna spostare pian piano la macchina fotografica in avanti ed indietro sino ad ottenere un’immagine nitida sul display. Questa tecnica richiede un po’ di pratica.
  2. Usare il massimo zoom. Questo è particolarmente utile quando la vignettatura è molto evidente (ad esempio se si usa il teleconverter dopo alcune lenti close-up).
  3. Usare la minima apertura di diaframma possibile (un grande valore di F) per ottenere la massima profondità di campo ed avere una porzione maggiore di immagine a fuoco. Va ricordato che un maggiore ingrandimento equivale ad una minore profondità di campo.
  4. Il fill flash rende di solito abbastanza bene. La maggior parte dei miei scatti viene eseguita a F8 (che equivale alla minore apertura di diaframma che posso impostare), con un tempo di 1/125 ed il fill flash.
  5. Di solito usavo il trucchetto della focale F8 sulla mia G1, ovvero selezionavo la modalità a priorità di tempi (Tv) e settavo la velocità a 1/640. Poiché il flash era attivo, per preservare il sincronismo, veniva abbassata la velocità di scatto automaticamente ad 1/250, mantenendo la focale F8. La G3 non possiede questo trucchetto sulla F8, infatti permette il sincronismo col flash a velocità maggiori (coi flash esterni supera 1/250), il che si rivela molto utile quando si scatta col fill flash in buone condizioni di luce.
  6. Un'altra modalità che uso, ma meno frequentemente, è lo scatto a priorità di diaframma (Av) con, ovviamente, una apertura F8. In genere se sono particolarmente tranquillo (ed ho saltato il caffè mattutino) riesco a scattare con tempi più lenti di 1/100, tuttavia lavoro meglio con tempi di 1/160 o 1/200, che coniugano bene velocità utile di scatto con una buona luminosità dello sfondo, a differenza di 1/250 che scurisce parecchio.
  7. Più di rado scatto in modalità completamente manuale, ma il problema maggiore è che la mia G1 emette il flash alla sua massima potenza, quindi devo diffondere il lampo luminoso con un tessuto. Con la nuova G3 che mi permette maggiori controlli del flash in manuale, probabilmente userò questa modalità più frequentemente.

 

Luce& Flash

click for streamline version

Questi sono alcuni consigli:

  1. Scattare in giornate luminose in modo da ridurre quanto più possibile i tempi di esposizione.
  2. Usando un flash esterno si possono raggiungere qualità notevolmente superiori.
  3. Se si usa il flash è necessario diffondere la luce (ad esempio con un tessuto bianco davanti alla sorgente luminosa) oppure rifletterla (ad esempio con dei fogli bianchi o dei pannelli riflettori). Qualora non si abbiano superfici di riflessione o diffusori, è necessario quantomeno illuminare la scena indirettamente, ovvero con la luce del flash meno diretta possibile.
  4. Il teleconverter 2x dopo le lenti close-up può aiutare ad illuminare il soggetto da una distanza maggiore.
  5. Il braccio snodato (con la prolunga per il flash esterno) permette un migliore controllo della luce.
  6. Variando il bilanciamento dell’esposizione e la compensazione del flash a seconda della posizione del flash, si ottiene una maggiore flessibilità di scatto.
Visita la sezione dedicata agli accessori per la macrofotografia.

 

Cavalletto o No?

Circa il 90% delle mie foto di insetti sono scattate a mano, infatti non uso molto frequentemente il treppiede. Penso infatti che uno dei maggiori vantaggi delle macchine fotografiche prosumer sia l’LCD orientabile, che permette di ovviare al treppiede riuscendo a fotografare stabilmente e ad osservare al contempo l’inquadratura anche in posizioni poco agevoli.

Quando uso il treppiede ritengo comodo e vantaggioso utilizzare una rotaia di messa a fuoco che mi permette di avvicinare ed allontanare la macchina fotografica di passi infinitesimali senza muovere il cavalletto. La rotaia si rivela dunque molto utile anche perché in macrofotografia la DOF è molto ristretta ed in genere preferisco bloccare la messa a fuoco e muovere la macchina avanti e indietro.

Come ho già detto più su, molti dei miei scatti son fatti a mano libera, quindi ho dovuto fare esperienza per sorreggere la fotocamera con stabilità. Mi sono ingegnato in vari modi per riuscirci: spesso mi appoggio a qualche albero o qualche recinzione. Tengo i gomiti serrati lungo il corpo e sovente appoggio la macchina alla mia gamba o sul ginocchio. Quando posso cerco di appoggiare il bordo della macchina fotografica su un ceppo o su qualche altra struttura disponibile. Inoltre talvolta tengo la cinghietta della fotocamera attorno al collo o fra i denti, e al momento dello scatto spingo la macchina fotografica lontano da me mettendo la cinghietta in tensione. A breve ho intenzione di provare ad usare un monopiede.

 

Come avvicinarsi

La mia filosofia che ho discusso più sopra è rilevante qui. Per me, fotografare gli insetti è come un grande gioco di caccia. Dovete lavorare per il vostro trofeo e diventare abili a rintracciare ed inseguire le prede sono le abilità che il cacciatore deve sviluppare. Mi diverto particolarmente a cacciare libellule, non esco ad orari speciali e non sono una persona mattiniera. Possiedo circa 3 acri che distano quasi 15 minuti da un fiume e nel mezzo ci sono alcune paludi. Dunque è per questo che in certi momenti dell'anno ho un appuntamento fisso con le libellule.

  1. Vai piano. Sii paziente. Guarda l'insetto per per un po', per vedere come si comporta.
  2. Alcuni degli insetti sono più tolleranti di altri (sia verso altre specie che fra di loro).
  3. Spostati lentamente. Prova a non proiettare la tua ombra sull'insetto. Se l'insetto vola via, resta ancora ed attendi un minuto o due, spesso ritornano sullo stesso posto.
  4. Quando trovi un insetto che ti lascia avvicinare inizia a scattare qualche foto velocemente. Bisogna sempre essere preparati, ed avere gia tutte le regolazioni a posto, perché spesso si riesce ad avere un solo scatto.
  5. Quando acquisterete padronanza con la messa a fuoco e l'esposizione, potrete cominciare a prestare più attenzione alla composizione
 

La camera oscura digitale

Più si ingrandisce, meno DOF si ha a disposizione. Non c'è da girarci intorno. Ho cercato di usare quel poco che ho meglio che potessi, oltretutto cerco di scattare l'immagine in modo che non necessiti di troppo ritocco nella camera oscura digitale. In realtà ho scoperto che questo tipo di immagini sono poche e rare.

Quando lavoro nella camera oscura digitale, il mio scopo solitamente non è alterare l'immagine, ma piuttosto migliorare ciò che la macchina fotografica mi offre. Benché occasionalmente modifichi l'immagine aggiungendo nuvole nel cielo, cancellando le parti non volute, o in rari casi, rimpiazzando lo sfondo.

Successivamente, ho sperimentato l'utilizzo di più immagini prese in tempi diversi, che abbiano piani focali differenti e le ho composte incrementando la DOF (io preferisco usare questo con le macro estreme perché in questo caso la DOF è molto limitata). Lo scarabeo Milkweed qui mostrato è un esempio.

Qui ci sono alcuni consigli per lavorare nella propria camera oscura digitale:

  1. Fai molti scatti, cercando di variare un po' il piano focale in ognuna, così da avere una coppia di immagini che abbiano bene a fuoco due piani focali (e che, quando combinate insieme, diano l'impressione di una DOF maggiore).
  2. Impara a cancellare la maggior parte degli scatti che fai, così guadagni abilità e la possibilità di successo aumenta un po' (a volte).
  3. Ruotare, tagliare, aggiustare i livelli di curve, saturazione e contrasto per rendere più nitido il soggetto e sfocare lo sfondo, sono le basi del ritocco dell'immagine.
  4. Mascherare e nascondere aree dell'immagine, così da poter lavorare sulle altre aree senza modificare quelle nascoste. In genere una persona può mascherare il primo piano in modo da poter lavorare sullo sfondo. Io solitamente faccio questo per poter dare un po' di sfocatura allo sfondo e rimuoverne il rumore. Creare una maschera può essere noioso e può essere fatto in molti modi. A me piace lo strumento "bacchetta magica" che seleziona aree simili sul piano dei colori, solitamente prima uso questo, poi rifinisco la maschera con altri strumenti.
  5. Uno strumento che trovo utile nella camera oscura digitale è la tavoletta grafica, che mi permette di usare una penna al posto del mouse per controllare il cursore. Io ho una tavoletta Wacom.
 

Spero che queste informazioni siano utili.  Buona caccia!

 
Copyright © 2003 M. Plonsky - Italian version translated by JJSapido


Commenti

Mostro 6 commenti, dal più recente:Discendente

samalga
Per quanto possa valere il mio commento, complimeti davvero. Hai un grande occhio.
Rispondi Invia una e-mail privata
Inserito da samalga Utente di Photorevolt il 26/04/2007 alle 17:46:32

sadrix
Per la miseria, queste foto sono a dir poco superspettacolari, come anche la spiegazioni!!!5 di 5 stelle
Rispondi Invia una e-mail privata
Inserito da sadrix Utente di Photorevolt il 16/06/2006 alle 21:37:37

alebao73
MERAVIGLIOSE!!! sai per caso se c'è un ordine di posizionamento per le lenti addizionali(le lentine-filtro close-up)???
ciao e complimenti ancora!!!
Rispondi Invia una e-mail privata
Inserito da alebao73 Utente di Photorevolt il 09/03/2006 alle 22:11:56

Ombraeluce
E' sempre consigliato montare prima la lente con potenza superiore, ad esempio se hai una lente +1 e una +3 monti prima la +3 e poi la +1 ottenendo così l'equivalente di una lente +4 diottre. Resta comunque il problema del deterioramento dell'immagine, le lenti close-up danno sempre un aspetto morbido alla foto, evita di montarne più di due alla volta. Ciao a tutti
Rispondi Invia una e-mail privata
Inserito da Ombraeluce Utente di Photorevolt il 26/06/2007 alle 09:32:09

bury
vacca la bindella ^__^ belle belle belle!!!!!!!!
Rispondi Invia una e-mail privata
Inserito da bury Utente di Photorevolt il 23/11/2005 alle 23:04:09

devivo77
Fotografo grandioso. Il mio idolo
Rispondi Invia una e-mail privata
Inserito da devivo77 Utente di Photorevolt il 21/03/2005 alle 03:08:06


Per inserire commenti devi essere registrato !

 

PhotoRevolt.com - Comunità Fotografica Indipendente - Fotografia Digitale e tradizionale - ISSN: 1825-7976.
Fondato da Stefano Arcidiacono. Leggi la nota di copyright, visualizza la mappa del sito o le statistiche.

RSS  XML  ATOM