Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni leggere la nostra informativa.
Chiudi
Recensione software CEWE per creare fotolibri ed altro da stampare on-line

Recensione software CEWE per creare fotolibri ed altro da stampare on-line

di Stefano Arcidiacono alias SteO (www.steo.it)

La CEWE mi ha chiesto di provare il proprio servizio e scriverne le mie opinioni, in particolare sul software che offrono per realizzare il fotolibro. Confesso di aver preso un po’ di tempo per indagare, reduce da una ricerca fatta non pi¨ di sei mesi fa riguardo proprio un software di questo tipo per Mac, che mi ha portato all’idea di cambiare regalo; alla fine ho preferito una stampa su tela.

Il software fornito dalla CEWE sembra invece avere le carte in regola per fare un lavoro onesto, il contenuto del pacchetto da 328 mb che lo contiene “mostra” tutte le caratteristiche di un software sviluppato per Mac, piuttosto che convertito alla “meno peggio” come diversi di quelli che ho provato.

Vediamo un po’ quindi come funziona e se riesco a fare quello che ho in mente; portare su carta il mio portfolio di street, composto da una ventina di foto in bianconero. So giÓá che non sono l’ideale per un fotolibro, i sistemi di stampa che utilizzano se la cavano meglio con il colore, ma se non ci saranno grosse dominanti per me sarÓ un successo.

Scaricato il pacchetto e trascinato sul desktop si pu˛ cominciare a lavorare, schermata di avvio e quindi si apre una pagina di “presentazione”, in alto diverse opzioni per scegliere la categoria, i cui contenuti vengono mostrati in basso.

 

Schermata introduttiva

 

Scelgo la categoria “su carta fotografica satinata”, desidero una stampa chimica non digitale e preferisco la carta satinata per un libro piuttosto che la lucida, anche se probabilmente il lucido tira fuori un po’ pi¨di dettaglio. La mia attenzione cade sul “Compatto panoramico” da 19x15cm, la maggior parte delle foto sono orizzontali, dovrebbero starci bene, con copertina rigida il prezzo parte da 24,95 euro, andando ad intuito clicco sulla fascia in alto su “Listino prezzi” e si apre il dettaglio, 6–8 giorni lavorativi e 5,49 euro di spedizione per ricevere il libro cos¨fatto, direi che pu¨andare, proseguiamo.

Un click su “Ordina subito” e si apre l’editor sormontato da una schermata che mi chiede se voglio iniziare a campo vuoto o con una proposta fatta in base alle mie foto, iniziamo da zero…

Breve pausa per avviare Lightroom ed esportare il portfolio ad alta risoluzione e con spazio colore sRGB, per non sbagliare.

 

Il software CEWE pronto per impaginare il futuro capolavoro

 

Torniamo al software CEWE, in alto rimane la barra rossa con le stesse icone, che immagino segua tutte le schermate, pi¨sotto appare una barra piena di pulsanti, quasi tutti eloquenti nella rappresentazione del compito che svolgono, a sinistra la lista dei file, pi¨in basso il compito dell’area appena detta, si pu¨passare dalle foto (ma anche video, tramite un codice QR se non erro…), il layout di pagina, gli sfondi, le clipart ed i passepartout per ritagliare le foto nei modi pi¨strani…

Nella parte bassa la rappresentazione grafica delle pagine ed in fondo a destra informazioni sul libro ed il tasto per acquistarlo. Al centro della pagina ovviamente il libro, con un paio di icone per gestire lo zoom e visualizzarlo a schermo intero.

Vedo subito una cosa che non mi piace molto ma che ¨tipica di tutti i servizi che offrono fotolibri, qui si vede chiaramente a volte la sorpresa arriva quando si apre il pacco; sul dorso personalizzabile con una scritta c’¨il logo del produttore, pazienza.

Le foto sono pronte, scelgo la cartella e sorpresa, il navigatore del software CEWE riporta le stelle assegnate in Lightroom, sicuramente utile.

Iniziamo dallo sfondo, voglio un bel libro tutto nero, su cui le foto in bianconero dovrebbero risaltare alla grade, quindi vado a scegliere “Sfondi”, clicco sul nero e non succede niente… bisogna trascinarlo sulla pagina, eccolo, ora il testo “Stefano Arcidiacono - Street photography” ed appare una bella icona di pericolo. Mi sa che il colore del testo ¨rimasto nero, modifico e… ora si vede ma continua la presenza dell’icona… ah ecco, il testo ¨troppo vicino al bordo, lasciamolo correggere a lui…

 

La copertina prende vita!

 

Passiamo alla copertina, faccio fuori i piccoli contenitori per le foto, che non mi interessano, allargo il testo e scrivo il mio nome bello grande con il font che uso per il mio logo. Nuova casella di testo in basso (c’¨un’icona accanto alla scelta del font) e ci scrivo dentro “Street photography”.

In effetti c’¨troppo nero nel mezzo, ci vuole una foto, come si fa? Trascino la foto e spunta una finestrella “Questa foto ¨stata elaborata con un programma di elaborazione delle immagini”, ci sono un paio di opzioni ed una casella che evita di trovarsela nuovamente davanti, la spunto e chiudo, compiaciuto del fatto che gli scatti non verranno trattati per “migliorarli”, bene. Un momento, lo rifaccio e rispunta, c’¨qualcosa che non va, anche perch¨le opzioni sembrano intendere che la foto verr¨comunque corretta, vediamo, men¨opzioni, foto, c’¨un bel “Utilizza la correzione automatica…” disattivo ed addio per sempre correzione automatica.

Dopo un’ora di indecisione trovo finalmente la foto per la copertina, gli piazzo intorno una cornice bianca da 5mm che si intona con le scritte e salvo per la prima volta il mio nuovo fotolibro.

 

Una bella frase deffetto in prima pagina!

 

Giriamo pagina, la prima sinistra non ¨personalizzabile, mi scoccia avere una pagina bianca ed una nera accanto, cancello i contenitori per le foto e piazzo una bella frase d’effetto “First learn the rules… then break them”, ovviamente ne dovr¨cercare una anche per l’ultima pagina…

Passiamo alle pagine successive, intanto lo sfondo nero per entrambe, poi passiamo al layout, meglio usarne uno predefinito se c’Ŕ, per evitare di fare pagine leggermente diverse. Comunque tra le icone in alto c’¨una bella griglia ed un magnete per “attaccare” la foto alle linee guida. Scelgo “1 Foto per pagina” ed indago… tra le disposizioni “fantasiose” ne trovo una che fa per me, una foto per pagina con un bel contorno che mostra il nero di sfondo, cominciamo a riempire…

Strada facendo ed a tentativi scopro che sia il colore di sfondo che il layout si possono trascinare sulle miniature per fare tutto velocemente, ottimo!

 

Due delle pagine interne

 

Cercando di dargli un senso finisco le foto orizzontali, che onestamente mi sembravano di pi´┐Ż, poco male, cambio layout e proseguo la mia avventura. Strada facendo sbaglio a posizionare due foto e provando a spostarne una sull’altra scopro che il software le cambia per me, chi l’ha fatto deve averci perso del tempo a provarlo o deve aver accolto i commenti degli utilizzatori.

Arrivato a met¨il software CEWE mi ricorda che posso inserire un video, verranno inseriti dei fotogrammi ed un codice QR per rimandare al video, interessante, ma non ho video da inserire, quindi andiamo avanti.

Ho finito le foto e mi restano 3 pagine, pi¨l’ultima con la met¨non modificabile, che fare? Do un’occhiata al portfolio e decido di mettere qualche foto di una ragazza scattate alla libreria Prampolini di Catania, in uno stile molto retr¨e sempre in bianconero, dovr¨giusto cambiare titolo al libro, con l’occasione mi accorgo che c’¨il controllo dell’ortografia, che male non fa. Immaginate di vedere per la prima volta il vostro libro, che magari dovete mostrare a pochi giorni di distanza ed accorgervi che c’¨scritto “Balck” invece di “Black”, fantastico!

 

Pagine interne con accanto i layout disponibili

 

Scelgo di nuovo la cartella per fargli pescare le nuove foto e si va avanti per altre 3 pagine, un po’ di indecisione su come chiudere e finalmente ci siamo, non che ci sia voluto molto, dall’inizio della recensione saranno passati 40 minuti, compreso ovviamente lo scrivere.

Frugo tra le frasi stravaganti che salvo di tanto in tanto e ne trovo un’altra che mi piace per l’ultima pagina “People cry, not because they’re weak. It’s because they’re been strong for too long.”, non so bene cosa c’entra, ma la trovo molto bella.

Ci siamo, rivedo tutto, sembra venuto bene, vado a far click sul tasto rosso “Nel carrello”, un paio di finestre di caricamento e mi spunta un’avviso, posso scegliere un “partner commerciale” per ritirare il libro presso un punto vendita, senza spese di spedizione, non male!

Io son vincolato nella scelta a “Fotolibro-online.it”, quindi scelgo quello e proseguo, si aggiorna il listino e si apre la finestra con l’ordine, totale di 30,44 euro con le spese di spedizione, andiamo avanti. Mi chiede i dati per registrarmi, i dati di spedizione e in una decina scarsa di minuti carica tutto.

Per il momento Ŕ tutto, la recensione continua all’arrivo del libro…

Dopo 5 giorni mi comunicano che il libro Ŕ pronto e verrÓ presto spedito, un’altra settimana ed il corriere bussa alla mia porta.

Dentro una bella busta di cartone rosso con le insegne CEWE trovo una busta uguale ma pi¨piccola, ad ulteriore protezione del suo contenuto, che finalmente raggiungo constatando che Ŕ sano e salvo.

 

Copertina fotolibro

 

La copertina esterna in cartone rigido, di un bel nero lucido fa la sua bella figura, oltre la foto e le scritte da me inserite c’Ŕ il logo “Il mio fotolibro cewe” sul dorso, molto piccolo per la veritÓ, ed una specie di codice QR sul retro che immagino serva a loro per identificarlo e spedirlo al cliente giusto. Nella penultima pagina, prima di quella visibile nel programma, vi sono riportati i loghi della CEWE e del sito da cui ho ordinato ed un’ulteriore codice a barre.

 

Prima pagina con frase ad effetto

 

Ma veniamo al contenuto, le frasi di inizio e fine libro su sfondo bianco sono perfette, stesso carattere e posizione che avevo deciso nel software, le pagine interne sono di un bel nero su cui le foto, come mi aspettavo, stanno benissimo.

 

Una delle pagine interne

 

Com’Ŕ qualitativamente? Mi aspettavo di trovare una dominante sul ciano, invece, a meno che gli occhi non mi ingannino, non vi sono particolari dominanti. Sono foto in bianconero su carta satinata di buona qualitÓ, ¨sempre un processo automatico per caritÓ, ma il risultato per me Ŕ pi¨ che soddisfacente, Ŕ un piacere vedere il portfolio che ho sul web stampato su carta, fisicamente tangibile.

 

Unaltra delle pagine interne

 

Potete provare il software CEWE ed il servizio qui recensito all'indirizzo www.fotolibro-cewe.it



Commenti

Non ci sono commenti

Per inserire commenti devi essere registrato !

 

PhotoRevolt.com - Comunità Fotografica Indipendente - Fotografia Digitale e tradizionale - ISSN: 1825-7976.
Fondato da Stefano Arcidiacono. Leggi la nota di copyright, visualizza la mappa del sito o le statistiche.

RSS  XML  ATOM