Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni leggere la nostra informativa.
Chiudi
Recensione Fujifilm X30
  Versione PDF  Apri PDF

Recensione Fujifilm X30

Relativamente compatta, la X30 mostra tutte quelle caratteristiche che hanno reso celebre la serie "X" in un formato da portare sempre in giro con se. Due generazioni dopo la presentazione sul mercato del primo modello, siamo di fronte ad una macchina matura, con un mirino OLED di tutto rispetto e degli eccellenti comandi.

Fujifilm X30

Quando anni fa provai per la prima volta la X-Pro1 fu amore a prima vista per il design, un corpo semplice e robusto costellato di comandi; stupende ghiere per modificare i parametri senza navigare nei menù, con la possibilità, oggi rara, di poter impostare la macchina ancora prima di accenderla. Non molto tempo dopo la X-Pro1 arrivo la X10, la prima vera "piccola" della serie, che ne ricalcava le doti presentando anch'essa diverse ghiere di comando, con un sensore più piccolo dell'APS-C montato sulle sorelle X-Pro1 e X100, ma comunque di ottima qualità.

A distanza di 3 anni da quel primo modello, dopo essere passati per la X20 arriviamo alla terza generazione della serie, una macchina oramai "matura" che non teme il confronto con le concorrenti di pari classe, ed offre in pieno quel "look and feel" a cui si sono abituati gli appassionati della serie "X" di casa Fujifilm.

Caratteristiche tecniche

Fisicamente la X30 non è cambiata molto dalle sorelle, rimane sempre un robusto "mattoncino" realizzato in metallo, con una copertura gommata nella parte centrale del corpo che la rende esteticamente piacevole ed offre un buon supporto per le mani. E' disponibile in versione nera, come quella a me affidata ed in finitura argento. Vediamo le caratteristiche salienti:

Aspetto e comandi

Diciamo che se volete una vera compatta rimanendo in casa Fujifilm dovete rivolgere il vostro sguardo verso la XQ2, perchè pur non richiedendo una borsa dedicata come le mirrorless della famiglia "X", la X30 non è esattamente la macchina da taschino, complice anche il barilotto con il tappo di copertura, richiede un certo spazio per stare comoda. Nel mio borsello soffre un po' ma ci sta, per i miei gusti potrebbe diventare la macchina da portar dietro tutti i giorni, per cogliere quell'occasione che si presenta sempre quando uno non ha dietro il corredo...

In mano la X30 da una bella sensazione di solidità, la parte superiore, dove si trovano varie ghiere e comandi è realizzata in un unico pezzo di metallo, il corpo non scricchiola minimamente sotto la pressione della mano destra e le ghiere sono ben dimensionate, forse l'unico appunto si può muovere su quella che circonda il barilotto, ma ci si abitua.

Fujifilm X30 - Barilotto

Partiamo proprio dal barilotto che contiene l'ottica da 28-112mm collassabile, girandolo si accende la macchina e l'obiettivo si porta in posizione d'uso, alla focale grandangolare, ruotando ancora si arriva ai 112mm. Verso il corpo macchina si trova la seconda ghiera, di tipo digitale (non è connessa alla meccanica), normalmente svolge una funzione in tema con la modalità impostata sulla ghiera programmi, per esempio se la macchina è in priorità di apertura la ghiera cambia i diaframmi. Con un pulsante posto sulla destra del barilotto si accede ad un menù che ne cambia la funzione, si può assegnare:

Sempre nella parte anteriore troviamo la levetta che modifica l'impostazione del fuoco tra manuale, singolo e continuo (essenziale per i filmati), i fori per i microfoni ed il piccolo ma utilissimo illuminatore a LED.

Fujifilm X30 - Parte inferiore

Nella parte inferiore il foro per il treppiedi è posizionato sulla sinistra, non in asse con l'ottica, dall'altra parte il vano che contiene la batteria NP-95 da 1800mAh e la scheda di memoria SD.

Sul lato sinistro vi è solo l'attacco per la cinghia, che a quanto vedo è stato rinforzato con un anello interno rispetto alla X-Pro1, su cui tende a usurarsi per lo sfregamento del triangolo metallico a cui si attacca la tracolla. Sul lato destro l'altro attacco per la cinghia ed uno sportellino che racchiude le connessioni per microfono, HDMI e USB, che serve anche per ricaricare la batteria, dato che di serie non vi è un carica batterie (acquistabile su Amazon a cifre modeste).

Fujifilm X30 - Plancia di comando

La parte alta della macchina si snoda su due livelli, a sinistra si trova il flash integrato (si alza tramite un pulsante a scatto nell'angolo sinistro, si chiude manualmente) e la slitta accessori per montare un flash esterno ed altre cose, sulla destra si scende in modo che ghiere e pulsanti non sporgano. Troviamo ovviamente il pulsante di scatto a doppia pressione, con foro centrale per il comando a scatto meccanico (si trovano per pochi euro), un tasto per avviare immediatamente la registrazione video, la ruota dei programmi e quella per modificare la compensazione di +/- 3 stop.

Nella ruota dei programmi troviamo:

Scatto normale

Soggetto con sfondo sfocato

Delle varie modalità mi ha incuriosito ed ho provato più volte quella per il "soggetto con sfondo sfocato", con questa impostazione la macchina realizza una serie di scatti consecutivi e poi li combina magicamente per restituire una foto con il soggetto ben a fuoco e lo sfondo sfocato. Il risultato è un'immagine con un campo lievemente minore dell'originale (foto in basso) ed uno sfocato accentuato.

Fujifilm X30 - Parte posteriore

Arriviamo infine alla parte posteriore, in un regno di pulsanti troviamo una sola ruota, posta sotto a quella dei programmi, che svolge diverse funzioni a seconda del programma impostato. Attorno allo stupendo mirino OLED, di cui parlerò più avanti, il pulsante di revisione, quello per scegliere se e come usare display o mirino ed il tasto drive che funge anche da cestino. Sulla parte posteriore destra 5 pulsanti disposti a ghiera più altri 4 permettono di accedere a tutte le funzioni della macchina.

Il mirino OLED è un piacevole cambiamento rispetto ai modelli precedenti, che ne possedevano uno ottico, piccolo, con poche informazioni ed una visuale limitata rispetto a quanto inquadrato. Il nuovo mirino è confortevole, mostra tutte le informazioni presenti sul display LCD e le ruota pure in verticale quando necessario, grazie al sensore posto accanto si può impostare perché si attivi in automatico quando rileva l'avvicinarsi del volto.

Fujifilm X30 - Parte destra

Cambiamento anche per il display posteriore, che adesso è basculante, si può inclinare di 90° verso l'alto e di 45° verso il basso, una comodità in più che non guasta.

La X30 in uso

Possedendo la X-Pro1 per me i comandi della X30 non sono un segreto, sia l'organizzazione dei menù che i pulsanti posteriori sono simili. Per tutti gli altri non credo sia eccessiavamente complessa; i comandi essenziali come detto sono a disposizione tramite le varie ghiere, il menù di sistema ha ben 8 pagine ma da tempo c'è una bella scorciatoia per evitare di perdersi, il tasto "Q" apre infatti una schermata riepilogativa in una sola pagina.

Fujifilm X30 - Quick menu

Da questa schermata è possibile selezionare e modificare tutte le impostazioni principali con le frecce e la ghiera posteriore. Inoltre si possono salvare sino a 7 impostazioni personali, preparando così dei set-up da richiamare al momento opportuno, ad esempio io sulla X-Pro1 ne ho sempre uno per i ritratti, per i paesaggi e per le foto impossibili (ISO al massimo, pellicola bianconero, etc..).

Tra le impostazioni del "Quick menu" due a mio avviso meritano una spiegazione, la gamma dinamica e la simulazione film.

La gamma dinamica è impostabile su auto o su un valore di 100, 200 o 400, l'impostazione ISO deve essere almeno pari a quella della gamma dinamica, quindi per impostarla a 400 il valore di sensibilità deve essere di 400 o superiore. L'effetto di espansione della gamma permette di recuperare un po' di dettaglio nel cielo per esempio, con un effetto naturale, molto lontano dal classico HDR.

Sulle altre compatte in genere si trovano i filtri sulla serie "X" sin dall'origine la Fujifilm ha fatto la scelta di richiamare alla mente le sue pellicole più note con la simulazione film, abbiamo così una serie di impostazioni che cambiano il modo in cui la macchina produce le Jpeg, ne approfitto per dire che sin dalla capostipite della serie queste macchine producono ottime Jpeg, vediamo le impostazioni:

La macchina supporta lo sviluppo dei file RAW in camera, quindi è possibile provare dopo aver scattato le varie opzioni di simulazione così come modificare il bilanciamento del bianco, la nitidezza, i toni, etc...

Ruotando il barilotto per portare l'ottica in posizione la macchina si accende ed è pronta a scattare in un secondo scarso, caduta in letargo per riaccenderla bisogna mantenere metà pressione sul tasto di scatto, passa circa lo stesso secondo che impiega per l'accensione per tornare operativa, quindi se la lasciate al collo in attesa della street giusta meglio togliere l'auto spegnimento. Il lato positivo è che la gestione della batteria è stata migliorata moltissimo.

L'autofocus a doppio sistema fa il suo dovere, è veloce ed abbastanza affidabile anche in condizioni di scarsa luce, ma bisogna imparare a conoscerlo; in particolare bisogna far attenzione a dove si fa cadere il quadrato di fuoco, che di norma è abbastanza grande (si può regolare), perché a volte la macchina preferisce lo sfondo alla parte di soggetto che ricade nel suddetto quadrato, insomma non usatela come una reflex...

Test ISO

Come da rito non può mancare un test alle varie sensibilità.

ISO 100

Tabella ISO

La macchina controlla bene il rumore sino a ISO 800, a 1600 e 3200 nei file jpeg l'algoritmo implementato da Fujifilm tende ad esagerare eliminando insieme al rumore anche il dettaglio. I file raw permettono in questo caso, con un po' di lavoro, di recuperare parte del dettaglio nascosto.

Conclusioni

La X30 è una macchina robusta e ben progettata, il piacere dei controlli manuali in un corpo relativamente compatto, da portare sempre con se, un apparecchio che fa venir voglia di utilizzarlo. La nota dolente che posso trovare è nelle dimensioni del sensore, la X30 si trova attualmente sui 450-480 euro, in questa fascia di prezzo la concorrenza offre macchine con sensore da 1 pollice, non una differenza abissale e personalmente trovo che i controlli e lo zoom manuale abbiano un peso maggiore a suo favore sulla bilancia.



Commenti

Non ci sono commenti

Per inserire commenti devi essere registrato !

 

PhotoRevolt.com - Comunità Fotografica Indipendente - Fotografia Digitale e tradizionale - ISSN: 1825-7976.
Fondato da Stefano Arcidiacono. Leggi la nota di copyright, visualizza la mappa del sito o le statistiche.

RSS  XML  ATOM