Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni leggere la nostra informativa.
Chiudi
Robert Doisneau

Robert Doisneau

1912 Gentilly, nei pressi di Parigi - 1994 Parigi
di Roby Blasina (www.bybla.com)

Robert Doisneau, dopo aver appreso il mestiere di litografo, si dedica alla fotografia da autodidatta a partire dalla fine dei 1929. In essa riconosce il mezzo ideale con cui immortalare la vita della città nelle sue passeggiate per Parigi. La sua carriera professionale incomincia alla Renault di Billancourt dove lavora come fotografo pubblicitario e industriale fino al 1939, quando intraprende l'attività di fotoreporter freelance. Nello stesso anno però scoppia la guerra e Doisneau deve rinunciare temporaneamente al suo sogno di fotografo indipendente. Fino al 1940 presta servizio nell'esercito francese, mentre negli anni seguenti, fino alla fine del conflitto, milita nella Resistenza. Doisneau tuttavia non interrompe dei tutto l'attività di fotografo, ma cerca di raggranellare qualche soldo stampando cartoline postali.

Nel 1949, collabora con la rivista di moda «Vogue» per la quale lavora fino al 1952 e in seguito come libero professionista. Grazie a «Vogue» il fotografo francese entra nei circoli dell'alta società che comunque non vede mai con la simpatia che dedica, invece, alla gente semplice incontrata per strada. Del resto, non passerà alla storia certamente come fotografo di moda. La fama gli viene infatti dalla sua «fotografia di strada»: in innumerevoli istantanee documenta con humour, ma non senza una punta di malinconia, la vita dei sobborghi parigini.

Nascono così le fotografie che sono diventate vere e proprie icone dello stile di vita francese: un esempio famoso è quella intitolata Bacio davanti all'Hotel de Ville che oggi, riprodotta in milioni di copie, è diventata, forse come nessun'altra immagine, un simbolo dell'amore giovane e spavaldo nella grande città. Come «fotografo di strada» Doisneau si colloca al livello di artisti come Brassai, Willy Ronis e Izis con i quali nel 1951 espone al Museum of Modern Art di New York. Come Brassai, anche Doisneau ama passeggiare per Parigi di notte per immortalare l'ambiente di coloro che vivono ai margini della società. Durante le sue imprese notturne scatta fotografie come quella del clochard Coco, un soldato fallito della Legione Straniera e quella del portuale che, disteso sul letto, sogna le pin-up con cui ha decorato la parete della sua camera, una parodia dei macho, come la definisce Doisneau stesso.



Link
Staley Wise Gallery - Robert Doisneau

Libri
Robert Doisneau, 120 pag., Motta


Commenti

Non ci sono commenti

Per inserire commenti devi essere registrato !

 

PhotoRevolt.com - Comunità Fotografica Indipendente - Fotografia Digitale e tradizionale - ISSN: 1825-7976.
Fondato da Stefano Arcidiacono. Leggi la nota di copyright, visualizza la mappa del sito o le statistiche.

RSS  XML  ATOM