Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni leggere la nostra informativa.
Chiudi
Stampare nei chioschi Kodak, quale profilo?

Stampare nei chioschi Kodak, quale profilo?

di Stefano Arcidiacono alias SteO (www.steo.it)

I chioschi Kodak stanno riscontrando un grande successo, grazie alla collocazione in luoghi già molto frequentati, come i grandi centri commerciali e la diffusione della fotografia digitale.

Stampare nei chioschi, oltre ad essere comodo, offre una certa possibilità di intervenire manualmente sulle impostazioni, variando così il risultato in base alle proprie preferenze.

Nessun problema se si vogliono stampare le foto del compleanno, ma quando si comincia a rientrare in quella cerchia denominata "fotoamatori", ci si comincia a porre delle domande su come ottenere il meglio dai propri fili, ovunque essi siano stampati.

Riguardo i chioschi Kodak, sappiamo che i moderni "G3" utilizzano la stampante termica 6800 sino al 15x20, e la 8110 sino al formato 20x30, entrambe prodotte da Kodak stessa. Il computer che gestisce la stampa, accetta file jpeg, bmp e tiff, non sappiamo però se gestisca o meno i profili colori.

Per verificare ho effettuato una semplice prova, realizzata in Photoshop una tabella 40 caselle colorate, ho salvato il file in formato jpeg, con profilo incorporato, prima in Adobe RGB, poi convertendolo in sRGB.

Stampati i due file e confrontati ad occhio, appaiono delle leggere differenze, visibili più su alcuni colori che su altri. Le differenze indicano che il driver di stampa ha effettivamente differenziato i due file, leggendo quindi le informazioni relative al profilo colore impostato.

Ora sappiamo che il chiosco Kodak legge i profili colore, o quanto meno sRGB e Adobe RGB, ma quale dei due conviene utilizzare?
Le differenze nel mio test sono davvero minime, si nota una maggior saturazione nella foto con il profilo Adobe RGB, che è quella che più si avvicina all'originale, nella foto con profilo sRGB al contrario, i colori sono appena più accesi. In pratica, la scelta in base a questo veloce test, si riduce ad una questione di gusti, fedele all'originale o più brillante?

Di seguito, riporto la scansione delle due stampe, eseguita contemporaneamente, comparate all'originale, realizzato in Photoshop e salvato per il WEB dopo averlo convertito in sRGB. Vi consiglio di valutare la differenza fra le due scansioni, piuttosto che con l'originale, dato che lo scanner non è tarato e quindi non offre una rappresentazione fedele della realtà.

colori
Originale | Adobe RGB | sRGB

Per ulterirori informazioni sui chioschi Kodak, consultate il seguente sito WEB.



Commenti

Non ci sono commenti

Per inserire commenti devi essere registrato !

 

PhotoRevolt.com - Comunità Fotografica Indipendente - Fotografia Digitale e tradizionale - ISSN: 1825-7976.
Fondato da Stefano Arcidiacono. Leggi la nota di copyright, visualizza la mappa del sito o le statistiche.

RSS  XML  ATOM