Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni leggere la nostra informativa.
Chiudi
Hasselblad H2D

Hasselblad H2D

di Emanuele A. "Juza" (www.juzaphoto.com)

Alcuni giorni fa Hasselblad ha annunciato quattro nuovi prodotti: i dorsi digitali per il medio formato Ixpress CF e Ixpress CFH, il corpo camera H2 e la H2D, completamente digitale. Ho partecipato alla conferenza stampa italiana e ho avuto la possibilità di provare la fotocamera e scattare alcune foto di esempio.

 

Hasselblad: Gli Attuali Punti di Forza e Gli Sviluppi Futuri

Hasselblad, fondata nel 1841, è uno dei leader nel mondo del medio formato. Il sistema Hasselblad è conosciuto per la qualità degli obiettivi e delle fotocamere, ed è stato scelto da molti professionisti.

Con l'avvento dell'era digitale, Hasselblad ha dovuto affrontare una nuova sfida: rimanere competitiva in un settore in rapida evoluzione e rispondere alla concorrenza di fotocamere digitali 35mm di altissimo livello come la Canon 1Ds.

Nella conferenza sono state illustrate le caratteristiche principali dei nuovi prodotti, e spiegate le idee per gli sviluppi futuri.

 

La seconda generazione delle serie H e Ixpress

Hasselblad ha annunciato quattro nuovi strumenti:

Ixpress CF 132 e CF 528 : un dorso digitale da 22 megapixel con un'interfaccia "universale" (può essere montato su fotocamere di altre marche); il modello CF528 offre anche la possibilità di usare la ripresa multipla per creare immagini di 528 megabytes (mezzo giga!).

Ixpress CFH : molto simile al CF, ma è progettato esclusivamente per la fotocamera Hasselblad H2, da cui riceve la necessaria alimentazione.

Hasselblad H2 : fotocamera "doppio sistema", può usare sia la pellicola che i dorsi digitali. 

Hasselblad H2D : una reflex completamente digitale con sensore da 22 megapixel.

Questi nuovi prodotti hanno numerose innovazioni, ma Hasselblad ha sottolineato quattro di esse in particolare:

- E' stato scelto Adobe DNG come formato RAW, si ha quindi una migliore integrazione con Adobe Photoshop. I files contengono un set completo di metadati, tra cui l'esposizione, l'obiettivo, il copyright e altri. I fotografi possono anche usare Flexcolor, un programma creato da Hasselblad, per il controllo più accurato sui file di immagine.

- I files possono essere registrati su schede CF, dando una migliore portabilità e flessibilità.

- E' stata introdotta una serie di funzioni dette "Instant Approval Architecture" che permettono di selezionare e organizzare rapidamente i files.

- Viene usato uno schermo OLED di alta qualità che fornisce un'anteprima fedele all'originale e che può essere osservato da un'angolazione di quasi 180 gradi.

 

Il futuro di Hasselblad: 39 megapixel ed altro...

Oltre a descrivere i nuovi prodotti, Hasselblad ha anche dato alcune interessanti anteprime sugli sviluppi futuri.

Oltre il limite dei 22 megapixel

Hasselblad ha affermato che "Noi siamo uno dei maggiori clienti di Kodak, dalla quale acquistiamo sensori di alto livello per i prodotti di fotografia digitale e per gli scanner. [...] Kodak ha annunciato due nuovi sensori con pixel da 6.8 micron (più piccoli dei pixel da 9 micron usati negli attuali sensori da 22 megapixel). I nuovi sensori hanno le seguenti caratteristiche:
- sensore da 31 megapixel : un sensore di 33x44mm che ha microlenti su ogni pixel per aumentare la sensibilità ISO.
- sensore da 39 megapixel : un sensore di 37x49mm (le stesse dimensioni di un attuale 22mp) che non usa microlenti.
[...] Abbiamo intenzione di annunciare nuovi prodotti con questi sensori all'inizio del 2006.
"

Nel futuro di Hasselblad potrebbe quindi esserci una "H3D", e diversi nuovi dorsi digitali, basati sui nuovi sensori Kodak.

CMOS e obiettivi digitali

Attualmente tutte le fotocamere digitali medio formato usano sensori CCD, ma probabilmente in futuro il CMOS dominerà e Hasselblad, anche se non nell'immediato, adotterà questa tecnologia.

I sensori usati nelle fotocamere medio formato sono un pò più piccoli della pellicola 645. Hasselblad svilupperà una linea di obiettivi dedicati esclusivamente al "nuovo medio formato", cioè 37x49mm.

I futuri obiettivi potrebbero non avere l'otturatore incorporato, che sarà sostituito da un otturatore (elettronico?) nella fotocamera.

Hasselblad svilupperà un nuovo mirino che corrisponderà perfettamente col sensore formato 37x49mm, con un maggiore ingrandimento rispetto ad un mirino standard.

 

Anteprima Hasselblad H2D

Dopo la conferenza stampa, ho avuto la possibilità di provare la nuova fotocamera e di scattare alcune foto con una dolce modella :-)

Non ho fatto i miei soliti test approfonditi, e quindi non scriverò una recensione completa, invece descriverò gli aspetti della fotocamere che mi hanno colpito favorevolmente o negativamente e mostrerò alcune immagini di esempio.

Principali caratteristiche tecniche

Potete leggere una descrizione dettagliata della fotocamera sul sito ufficiale (www.hasselblad.com). Qui ho elencato le caratteristiche principali, per darvi un'idea della fotocamera.

 Numero di pixels  22 milioni (4080 x 5440 pixel)
 Dimensioni del sensore:  36.7 x 49.0 mm
 Dimensioni immagine:  66 MByte 8 bit RGB / 132 MByte 16 bit RGB
 Profondità di bit:  16 bit
 ISO:  50 - 400
 Memoria:  CF card, disco esterno FireWire o collegamento al computer
 Capacità:  Oltre 850 immagini con un disco da 40 GB
 Energia:  batteria della fotocamera (Li-Ion)
 Velocità di scatto:  1 immagine ogni 1.5 secondi
 Display  OLED 2.2” a colori
 Formato file:  Adobe DNG
 Ambiente operativo:  0 - 45 °C / 32 - 113 °F
 Dimensioni:  153x131x213 mm (WxHxD, fotocamera con obiettivo 80mm) 
 Peso:  2175 g (fotocamera completa con batteria Li-Ion battery e CF-card)


La mia opinione : Pro

- Come si può immaginare, la risoluzione è impressionante! Si possono vedere anche i dettagli più minuti.

- Anche la gamma dinamica è notevole...direi che è attorno ai 10-12 stop, vicina alla gamma dell'occhio umano. Anche le migliori reflex 35mm hanno una gamma di "soli" 6-8 stop.

- Il mirino è davvero ampio e luminoso...se siete abituati ai piccoli mirini delle fotocamere APS-C (es. Nikon D70, Canon 350D, Minolta D7D), sarete sorpresi nel vedere quanto sia grande.

- Lo schermo OLED è incredibile! Quando ho letto che può essere visto chiaramente da un angolo di quasi 180 gradi (cioè 90 gradi in ogni direzione), non ci credevo, ma ho dovuto cambiare opinione quando l'ho provato di persona! E' di gran lunga il miglior schermo che abbia mai visto su una fotocamera digitale.

- L'ergonomia è eccellente, la fotocamera dà l'impressione di essere ben bilanciata.

- Ho apprezzato molto la scelta del formato Adobe DNG come formato RAW...il DNG è un "open standard" (spero che in futuro possa diventare il formato RAW universale!) ed è perfettamente integrato con Photoshop.

- L'uso di schede CF some memoria dà flessibilità e portabilità.

La mia opinione: Contro

- L'autofocus è relativamente lento e basato su un solo punto, in certi casi perde tempo cercando la giusta messa a fuoco. Ovviamente, questa è una fotocamera progettata principalmente per fotografie in studio, paesaggi e altri soggetti statici, dove l'AF non è cruciale, ma a mio parere Hasselblad avrebbe potuto fare di più.

- La velocità di scatto di 1 immagine ogni 1.5 secondi è abbastanza lenta, bisogna comunque metterla in relazione con la grandezza dei file prodotti.

La qualità d'immagine

La qualità d'immagine è eccellente. La risoluzione è molto alta, i colori sono piacevoli, la gamma dinamica è ampia e il rumore inesistente (almeno a ISO 50 e 100).

Ho scattato le immagini seguenti con la H2D con l'obiettivo Hasselblad 100mm f2.2. La ragazza bionda è una modella svedese...certamente è facile scattare buone foto con un soggetto di tale bellezza ;-)


Hasselblad H2D, Hasselblad 100mm, 1/125 f6.7, iso 50, RAW, flash.


Hasselblad H2D, Hasselblad 100mm, 1/125 f6.7, iso 50, RAW, flash.

Il rapporto tra i lati dell'immagine è 4:3, ma ovviamente potere ritagliarla come preferite, come ho fatto io in queste immagini.

Il sensore non ha il filtro anti-aliasing e quindi le immagini sono molto nitide e necessitano di pochissimo sharpening; l'unico svantaggio è che in alcuni casi si possono osservare alcuni leggeri artefatti (moiré, aliasing). Cliccate qui per vedere un ritaglio non ridimensionato di un'immagine scattata con la H2D.

Conclusione

La Hasselblad H2D costa oltre 20.000 euro ed è chiaramente diretta ai professionisti. La qualità d'immagine è superba, la fotocamera è molto buona, anche se può essere migliorata sotto alcuni aspetti, come l'autofocus e la raffica.



Commenti

Mostro 2 commenti, dal più recente:Discendente

supergranto
Costa troppo, però mi piacerebbe solo farci 2 scatti, poi potrei anche morire......
Rispondi Invia una e-mail privata
Inserito da supergranto Utente di Photorevolt il 06/08/2006 alle 12:29:15

g-bonciolini
se funziona così....andiamo bene.. forse ci vuole un po' di calma.. qualche test e calibrazione.. per 20.000 euri!!
Rispondi Invia una e-mail privata
Inserito da g-bonciolini Utente di Photorevolt il 28/10/2005 alle 17:55:01 (modificato 1 volta)


Per inserire commenti devi essere registrato !

 

PhotoRevolt.com - Comunità Fotografica Indipendente - Fotografia Digitale e tradizionale - ISSN: 1825-7976.
Fondato da Stefano Arcidiacono. Leggi la nota di copyright, visualizza la mappa del sito o le statistiche.

RSS  XML  ATOM