Articoli: Tecnica del digitale
 Back in Black (& White)
di Maurizio Firmani - pubblicato il 21.07.2004 - visto 15242 volte
C’è una strana e perversa convinzione, in giro, riguardo al fatto che le foto in bianco e nero abbiano un “qualcosa in più” che le fanno diventare incredibilmente belle e fascinose. Forse la causa sta nel fatto che la maggior parte dei fotografi di un certo nome debbano la loro fama a particolari foto in bianco e nero: si pensi ad esempio alle foto di Capa (che faceva foto in BN perché le pellicole a colori ancora non erano state messe in commercio) o alle foto di Cartier Bresson o di Berengo Gardin (che invece fanno foto in BN perché magari vogliono controllare una loro foto dallo scatto al momento in cui quello scatto finisce su carta).
Ad ogni modo, in molti si domandano come trasformare una foto a colori in una in BN, non ponendosi la domanda più importante, e cioè il perché di questa scelta.
 Bilanciamento del bianco
di Giorgio Fattori - pubblicato il 22.12.2004 - visto 10336 volte
Vediamo come con Paint Shop Pro8 possiamo recuperare un'immagine scattata di giorno con il bilanciamento del bianco settato sull'opzione Tungsteno.
 Convertitori di file RAW a confronto a caccia di dettagli
di Maurizio Firmani - pubblicato il 26.02.2005, aggiornato il 22.05.2005 - visto 35477 volte
Approfittando di uno scambio di opinioni su it.arti.fotografia.digitale con "@lberto" (che ringrazio per la disponibilità concessami per l'uso di una sua foto), riguardo la possibilità di recuperare i dettagli nelle alte luci partendo dai file raw e usando una tecnica di mascheratura molto simile a quella che si usa in camera oscura in fase di stampa, è venuto fuori questo piccolo confronto tra software di conversione di formati RAW (nel caso specifico il formato NEF di Nikon).
 Curva Velvia-like
di Maurizio Firmani - pubblicato il 18.07.2004 - visto 13617 volte
Innanzi tutto: cos'è una Velvia? Chi scatta prevalentemente diapositive non può non conoscere questa pellicola della Fujifilm, caratterizzata dalla bassa sensibilità, grana praticamente inesistente e colori brillanti ed ultrasaturi. Niente che il digitale possa neanche lontanamente simulare. Però un tentativo merita di essere fatto, se non altro per avvicinare un po' la resa dei colori di una bitmap a quella che caratterizza queste diapositive.
 Curve mozzafiato
di Maurizio Firmani - pubblicato il 21.07.2004 - visto 18166 volte
Le foto che seguono sono state scattate dal sottoscritto ed elaborate con Photoshop. Quello che si chiede di avere ben chiaro è l'uso dei livelli di regolazione. Quanto illustrato è fattibile con tutti i programmi di fotoritocco che prevedano la possibilità di modificare livelli e curve; mi vengono in mente Jasc Paint Shop Pro, Corel Photo Paint e The Gimp, ma sicuramente ne esistono altri.
 Desaturazione selettiva con "The Gimp"
di Massimo Zini - pubblicato il 25.01.2009 - visto 7457 volte
Breve tutorial che spiega passo passo con immagini come realizzare la "desaturazione selettiva" con The Gimp.
 Dpi, raw ed altri terribili mostri...
di Stefano Arcidiacono - pubblicato il 12.01.2005 - visto 20813 volte
Vediamo di far chiarezza su alcuni termini legati alla fotografia digitale, che spesso sono causa di depressione per i fotografi che tentano di addentrarsi in questo mondo, senza una valida guida. Si parlerà sinteticamente (non voglio addormentare nessuno) di file, profili colore e stampa.
 Estensione della gamma dinamica nella foto digitale
di Denis Calamia - pubblicato il 15.01.2005 - visto 26396 volte
Come estendere allora la gamma dinamica all'interno delle nostre immagini?
L'elettronica, l'esperienza personale e i programmi di fotoritocco, come sempre ci vengono in aiuto. Tutto sta nel riuscire a scattare due fotogrammi, uno esposto per le alte luci e l'altro esposto per le ombre, con la fotocamera ben ferma su treppiedi e facendo magari le prime volte una sorta di esposizione a forcella (bracketing), effettuando tre scatti esposti per le alte luci e altri tre esposti per le ombre, ognuno con differente esposizione, per poter scegliere in seguito fra questi due fotogrammi che rendano giustizia sia ai dettagli presenti nelle ombre, che a quelli presenti nelle luci.
 Flou digitale
di Maurizio Firmani - pubblicato il 21.07.2004 - visto 9224 volte
Esistono in commercio degli speciali filtri da montare sugli obiettivi chiamati "flou" o "soft" o più esattamente "diffusori". Questi filtri hanno una delle superfici molata irregolarmente (se in vetro) oppure artificialmente butterata (quelli in resina) che diffonde leggermente i raggi luminosi, in maniera tale che l'immagine che si concretizza sulla superficie sensibile si presenti con contorni leggermente sfocati, senza però perdere di dettaglio.
Ovviamente si può riprodurre, in digitale, un effetto molto simile in maniera molto semplice.
 I filtri e le digitali
di Stefano Arcidiacono - pubblicato il 05.02.2006 - visto 17187 volte
L'avvento del digitale ha messo un po' in disparte i cari vecchi pezzi di vetro da applicare di fronte all'ottica, grazie alla possibilità di simulare la maggior parte di loro a computer. Una maggioranza certo, ma non tutti, alcuni filtri infatti possiedono delle proprietà ottiche che modificano la luce in modo non riproducibile digitalmente, altri sono utili al fine di proteggere l'obiettivo su cui alloggiano.
 La gestione del colore
di Andrea Olivotto - pubblicato il 05.12.2006 - visto 17021 volte
In questo articolo parlo della gestione del colore, argomento spinoso e complicato. Però è uno degli scogli che il fotografo deve aggredire e sgretolare, se non vuole trovarsi impantanato in frustrazioni e perdite di tempo.
 Lo sharpening
di Andrea Olivotto - pubblicato il 15.01.2006 - visto 62071 volte
Lo sharpening è tra le operazioni di post-processing una delle più importanti è discussa in fotografia. Il suo scopo è di recuperare, per quanto possibile, le caratteristiche di "acutezza" e "definizione" della foto, quasi essenziale per le immagini in formato RAW.
 Macro
di Giorgio Fattori - pubblicato il 03.01.2005 - visto 20313 volte
Abbiamo da poco acquistato o ricevuto in regalo la nostra prima fotocamera digitale compatta e nell'attesa di poterla mettere alla prova sul campo, o meglio sul fiume, proviamo a scattare qualche foto alle mosche che in previsione dell'apertura stiamo preparando. La nostra fotocamera, indipendentemente dal livello qualitativo, è dotata della funzione Auto con cui è possibile inquadrare la scena che vogliamo ritrarre, premere il pulsante di scatto e dopo alcuni secondi ammirarne il risultato. Ma a volte ciò che vediamo riprodotto sul monitor LCD della fotocamera, sul televisore del salotto o sullo schermo del computer non corrisponde alle nostre aspettative...
 Migliorare la messa a fuoco in post-produzione
di Stefano Arcidiacono - pubblicato il 25.01.2005 - visto 21839 volte
Da un post di Diego G. Bandion (Sito WEB) sul newsgroup i.a.f.d, è nata un'interessante discussione sui metodi per migliorare la messa a fuoco di una foto, che purtroppo non è venuta bene all'origine. Questa pratica si rende indispensabile quando non è possibile o comunque risulterebbe impegnativo rifare lo scatto; una foto recuperata è sempre meglio di niente, no?
 Photoshop Tips
di Stefano Arcidiacono - pubblicato il 31.10.2004 - visto 11164 volte
Questo articolo è una sorta di "contenitore" per i suggerimenti più utili nell'uso quotidiano di Photoshop.
 Pulire il sensore di una reflex digitale
di Denis Calamia - pubblicato il 25.11.2004 - visto 132171 volte
Nel documento seguente andrò ad illustrare come effettuare un ottima, facile e sicura pulizia della superficie sensore. L'applicazione della metodologia descritta in seguito è comunque da considerarsi sotto propria responsabilità, tenente conto che un possibile danneggiamento della superficie del sensore (come raffigurato nelle foto sottostanti), porterà inevitabilmente al decadimento dell'intervento in garanzia. Decliniamo pertanto ogni responsabilità riguardante il danneggiamento accidentale della superficie del sensore o parti annesse, causato da una cattiva esecuzione della procedura di pulizia sotto descritta.
 Scattare foto in squenza per realizzare panorami
di merlinO - pubblicato il 13.11.2004 - visto 7335 volte
Qual'e' la tecnica corretta per scattare foto in sequenza da elaborare con programmi appositi ?
 Stampare nei chioschi Kodak, quale profilo?
di Stefano Arcidiacono - pubblicato il 02.02.2005 - visto 7552 volte
Riguardo i chioschi Kodak, sappiamo che i moderni "G3" utilizzano la stampante termica 6800 sino al 15x20, e la 8110 sino al formato 20x30, entrambe prodotte da Kodak stessa. Il computer che gestisce la stampa, accetta file jpeg, bmp e tiff, non sappiamo però se gestisca o meno i profili colori.
 Uscire dall'ombra
di Maurizio Firmani - pubblicato il 24.08.2004 - visto 7351 volte
In condizioni di luce particolare, come ad esempio nelle giornate estive di sole intenso, nelle ore più calde, capita che l'intensità della luce disponibile crei dei contrasti molti forti, con zone d'ombra molto scure rispetto alle zone direttamente illuminate dal sole. In questi casi si parla di luce dura, in quanto il confine tra ombre alte luci è netto.

 

PhotoRevolt.com - Comunità Fotografica Indipendente - Fotografia Digitale e tradizionale - ISSN: 1825-7976.
Fondato da Stefano Arcidiacono. Leggi la nota di copyright, visualizza la mappa del sito o le statistiche.

RSS  XML  ATOM