Blog
 Visualizzo solo le notizie nella categoria Mostre

 Inserita il 12 aprile 2015 da SteO (G+), nella categoria Mostre.
polifemo_fotografia
Nell'ambito di Posti di Vista 12* (l'evento proposto dai Laboratori de La Fabbrica del Vapore in occasione del Salone del Mobile) e di Photofestival (kermesse dedicata alla fotografia d'autore e ai suoi diversi generi con mostre in diverse gallerie, musei e palazzi storici di Milano), Polifemo e Corsi Design Factory celebrano i 20 anni del vaso Amazonia, emblema della collezione Fish Design progettata da Gaetano Pesce.

L'opera di Gaetano Pesce è caratterizzata dalle "serie diversificate", dall'uso creativo del colore e dalla casualità di un procedimento che prevede l'utilizzo di materiali sintetici.

Amazonia è uno dei tre vasi che hanno dato origine nel 1995 alla collezione Fish Design. Gli altri due sono il vaso Pompitu e il vaso Spaghetti. Il nome è dovuto al pappagallo Amazona di cui riprende i colori nella prima e più conosciuta versione che sono poi i tre colori primari: giallo, rosso e blu.

L'architetto spezzino, che ha realizzato a Salvador de Bahia, in Brasile una delle sue opere architettoniche più azzardate, ha deciso di dare questo nome al pezzo anche in omaggio a questo paese, la cui natura e il cui popolo multirazziale offrono un ampia gamma di colori e tonalità, spesso incrociate tra di loro, proprio come il vaso Amazonia.

Nello spazio di Polifemo a La Fabbrica del Vapore, Amazonia sarà visibile nelle sue diverse versioni e declinazioni, in una postazione dove Corsi Design Factory mostrerà al pubblico i materiali e le modalità della sua produzione e nelle immagini realizzate appositamente dai fotografi di Polifemo che hanno interpretato questo oggetto simbolo del design italiano.

Dal 14 al 30 aprile 2015 - ingresso libero
presso Polifemo Fotografia, La Fabbrica del Vapore, via Procaccini 4, 20154 Milano
info@polifemo.org - 02.36521349 - www.polifemo.org

Orari
dal 14 al 19 aprile: nell'ambito di Posti di Vista 12*, dalle 10 alle 20, orario continuato,
dal 20 al 30 aprile: nell'ambito di Photofestival, dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 18, orario continuato, sabato e festivi chiuso.

A cura di Corsi Design Factory e Polifemo
 


 Inserita il 7 aprile 2015 da SteO (G+), nella categoria Mostre.
"Zone - à la fin tu es las de ce monde ancien" ovvero "alla fine sei stanco di questo vecchio mondo", che è la prima frase di una poesia di Apollinaire che apre la raccolta Alcools del 1913 e che si chiama, appunto, Zone.

La mostra è come uno sguardo all'indietro sul 'vecchio mondo', su luoghi in cui è passato l'uomo ma che adesso sono abbandonati e sulla natura che inesorabile si riappropria di ciò che le è stato rubato. Vegetazione che avvolge le cose, muffe che scrostano i muri, polvere, acqua, oggetti abbandonati e stanze vuote che riecheggiano delle migliaia di passi che hanno solcato i pavimenti polverosi, questo è il mondo che ci lasciamo continuamente alle spalle.

Ospitata all'interno dell'evento Veramiglia 2015, di cui Spisani è stato il vincitore dell'omonimo contest nel 2014, la sua personale arricchisce l'esposizione curata dal collettivo di Discordia Expo all'interno della Vinaia del Sapere, e ne coadiuva lo scopo finale: creare un evento in grado di mettere in sinergia diverse realtà creative e artistiche.

Periodo: al 4 al 31 luglio
Location: Vinaia del Sapere – Delizia Estense del Verginese,
via Verginese, 44015 Portomaggiore (FE)
Orari: ogni sabato e domenica dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 19.

Artista: Valerio Spisani
Curatori: Marco Formigoni e Alessandro Passerini
Patrocini: Comune di Portomaggiore

www.collettivotm15.wordpress.com/
 

 Inserita il 6 aprile 2015 da SteO (G+), nella categoria Mostre.
Due mostre fotografiche che raccontano attraverso scatti potenti la diversità, la violenza, il potere e l'amore: è "Sguardi altrove", dedicata al fotoreportage internazionale, che si terrà da venerdi 17 a domenica 19 aprile presso Palazzo Concini a Terranuova Bracciolini (Ar), nell'ambito della quinta edizione del festival di cinema documentario "Sguardi sul Reale".

Al piano terra del palazzo sarà allestito "Transmongolian", il progetto del fotografo spagnolo Alvaro Laiz che indaga la doppia vita dei transgender in Mongolia, mentre nel sotterraneo sarà possibile visitare la collettiva dedicata ai temi dell'amore, della violenza domestica e del potere. Saranno proiettate le opere di quattro fotografi vincitori del prestigioso World Report Award, Fausto Podavini, Sara Naomi Lewkowicz, Donald Weber e Oriol Segon Torra. La mostra si inaugurerà venerdì 17 aprile alle 19.00 con concerto e cena itineranti, alla presenza di Nicola Tiezzi, presidente dell'associazione culturale "On The Move", e di Alberto Prina, uno dei coordinatori del Festival della Fotografia Etica.

...continua
 

 Inserita il 6 aprile 2015 da SteO (G+), nella categoria Mostre.
Il 21 maggio 2015 si inaugurerà ad Amsterdam nell'area espositiva dell'Istituto Italiano di Cultura la mostra di immagini di Franco Franceschi "The Seasons in Chianti" che per l'argomento, il mutare di forme e colori della campagna del Chianti senese durante l'evolversi delle stagioni, sarà di grande interesse sia per i connazionali residenti nella capitale che per gli olandesi stessi.

Questa mostra, dopo l'esordio di Lilliano, nell'area in cui le immagini erano state pensate e realizzate, è stata portata con successo negli ultimi anni in Francia, a Grenoble e Lille, in Slovenia, a Lubjana e Izòla e nel Regno Unito, a Bangor ed Edimburgo. La visione di parte delle immagini è possibile nel sito www.francofranceschi.it nella sezione "fine art pictures". La ricerca si compone di un centinaio di fotografie di particolari della campagna senese presi negli otto anni di permanenza dell'autore a Castellina. Sono immagini fuori del comune, di chiara ispirazione pittorica, ma arricchite da un taglio netto, alle volte anche violento. Ne nasce così un Chianti vissuto, più che visitato.

La mostra di Amstedam sarà curata dalla Professoressa Rita Venturelli Direttrice dell'Istituto di Cultura e composta da 40 immagini, selezionate fra quelle della collezione, presentate nel formato 40x60.

Il catalogo di 64 pagine edito da Listen Books e con un mio testo di presentazione accompagnerà la mostra.

Franco Franceschini
www.francofranceschi.it
 

 Inserita il 19 marzo 2015 da SteO (G+), nella categoria Mostre.
Ingredients for a Thought è il nuovo progetto fotografico di Luisa Menazzi Moretti, a cura di Denis Curti, che sarà presentato in anteprima a MIA Fair Milano dall'11 al 13 aprile dalla Galleria STILL e che successivamente, dal 14 aprile al 2 maggio, sarà esposto nello spazio milanese della Galleria in via Balilla 36.

In mostra 8 delle 14 fotografie che compongono il progetto, una riflessione dell'artista sul cibo, tema di grande attualità, inteso come simbolo e come linguaggio assoluto delle diverse società contemporanee. Da questo concetto nascono le opere del nuovo lavoro di Luisa Menazzi Moretti, ognuna delle quali affronta una problematica che riguarda il cibo: la fame nel mondo, il cibo trash, la possibile scomparsa di cibo nelle monocolture, la scelta, l'orrore per la sofferenza degli animali, la globalizzazione.

E ancora l'importanza della tradizione, ma anche la contaminazione, come nell'opera Christmas Balls, lo sfruttamento della manodopera, la mancanza di acqua, la manipolazione genetica che spesso è negativa, ma a volte necessaria, come suggerisce l'immagine Golden Rice dove il riso, grazie proprio alla genetica, arricchito di vitamina A combatte la cecità di milioni di bambini nel mondo.

...continua
 

 Inserita il 9 marzo 2015 da SteO (G+), nella categoria Mostre.
La Robert F. Kennedy International House ospiterà la mostra fotografica "BORN INVISIBLE", un progetto ideato dalla fotografa canadese Sheila McKinnon e curato da Victoria Ericks. Si tratta della prima importante mostra a Firenze dedicata al progetto. La mostra sarà aperta dal 9 aprile al 17 maggio 2015.

"BORN INVISIBLE" tratta dell'eredità del silenzio, dell'inaudibile presenza di ragazze e donne senza una voce; anime ed esseri trascurati, i cui destini sono gestiti senza il loro consenso. Utilizzando una tecnica unica nel linguaggio artistico, McKinnon ha sviluppato il suo lavoro elaborando un processo creativo per cui ogni immagine può essere trasformata per diventare rappresentazione significativa di migliaia di vite. L'artista scopre "nuovi modi di vedere" le immagini senza abbandonare la potenzialità del contenuto compositivo.

McKinnon usa il colore in un modo figurativamente seducente, come un'esca per attirare la nostra attenzione verso il soggetto centrale: la vita della figura nel fotogramma.

Il colore, spesso discusso e apprezzato nell'opera dell'artista per la sua intensità e per la bellezza che conferisce alle sue composizioni, è l'elemento fondamentale che ci rapisce emotivamente e ci riporta al dibattito in corso in tutte le società del mondo moderno sui diritti delle ragazze e sul ruolo delle donne, sulla sessualità e sulla parità di genere. La mostra comprende una selezione di fotografie e due video di presentazione. Il libro/catalogo correlato alla mostra è stato pubblicato da Gangemi Editore. Il libro, con fotografie della mostra e con testi di Maria Giovanna Musso e Victoria Ericks, è in vendita nel circuito internazionale sia in edizione cartacea che in digitale.

Inaugurazione
giovedì 9 aprile 2015, dalle 18.00 alle 21.00

Dal 10 aprile al 16 maggio 2015
da lunedì a venerdì, orario 10.00/13.00 e 15.00/18.00

Robert F. Kennedy International House of Human Rights
Via Ghibellina 12a, 50122 Firenze
Ingresso libero
www.rfkennedyeurope.org
 

 Inserita il 2 marzo 2015 da SteO (G+), nella categoria Mostre.
fiof
Saranno inaugurate il 6 Marzo alle ore 12.00, presso Palazzo Coelli di Orvieto, le mostre fotografiche di Fiof, Fondo Internazionale per la Fotografia, Video e Comunicazione. Tra i protagonisti tantissimi artisti, già icone della fotografia Italiana e internazionale, affiancati da giovani promesse, tutti legati da un unico filo: la produzione di opere fotografiche di alta qualità.

Oltre a Giorgio Lotti, Mattia Passarini, Thomas Subtil, Bill Gekas, avremo anche Grzegorz Welnicki fotografo Polacco, classe 1986, che all'attivo detiene già numerose pubblicazioni su riviste prestigiose quali Internazionale e Doc! Photo Magazine. Il suo è uno stile al limite, i soggetti ripresi sono forti e reali: una fotografia di denuncia che pone sotto i riflettori uomini e donne invisibili della società.

Ancora, Palazzo Coelli ospiterà un progetto unico nel suo genere in Europa: 5 anni, 5 capolavori della letteratura internazionale. 200 fotografi, 170 opere. Sono questi i numeri di Strada Facendo, la realizzazione ad opera degli ex studenti di Istituto Italiano di Fotografia che, sotto la supervisione di Roberto Mutti, da oltre trentanni critico fotografico delle pagine milanesi del quotidiano la Repubblica, hanno reinterpretato in chiave fotografica cinque grandi classici della letteratura internazionale. L'Odissea, Pinocchio, I Promessi Sposi, Alice nel Paese delle Meraviglie e Il Mago di Oz, per la prima volta si vestono di un abito inedito: "Fra riflessioni, ripensamenti, idee folgoranti perseguite o abbandonate – spiega Mutti – è nato un crogiolo di autoritratti, proiezioni, video, installazioni, fotografie essenziali, scenografiche complesse dotati di un ritmo narrativo che la fotografia tradizionale stenta a contenere".

Istituto Italiano di Fotografia è una scuola multifunzionale, uno spazio innovativo e sperimentale in cui la fotografia è vissuta come un linguaggio espressivo e innovativo, presente nel panorama della formazione professionale da oltre vent'anni.

Non è tutto; ad Orvieto si potrà ammirare anche Gravity di Tomas Januska. Il progetto fotografico "oltre la gravità" con cui il giovane Lituano ha già conquistato l'Europa: un inno alla libertà e alla leggerezza della spontaneità. Una composizione che fa, della fotografia, il mezzo privilegiato con cui analizzare la psiche umana, senza vincolo alcuno.

www.fiof.it
 

 Inserita il 22 febbraio 2015 da SteO (G+), nella categoria Mostre.
Alla Galleria Marconi di Cupra Marittima la rassegna Avere vent'anni arriva al suo terzo appuntamento. Sabato 28 febbraio alle 18 sarà inaugurata Equilibrismi, mostra personale di Franco Anzelmo. La mostra, organizzata dalla Galleria Marconi e da Marche Centro d'Arte, è a cura di Dario Ciferri, che è anche autore del testo critico.

La Galleria Marconi si trova in c.so Vittorio Emanuele II n°70 a Cupra Marittima. La personale di Franco Anzelmo potrà essere visitata fino al 26 marzo 2014 con i seguenti orari: lunedì – sabato 16.30 - 19.30.

Equilibrismi è il terzo appuntamento del ciclo di mostre Avere vent'anni che accompagnerà la Galleria Marconi per tutta la stagione espositiva 2014/2015.

...continua
 

 Inserita il 8 febbraio 2015 da SteO (G+), nella categoria Mostre.
Vino Bono Enoteca a Roma sta selezionando i 10 fotografi per la prossima mostra, il tema sara' "silhouette".
Sono ammesse foto in bianco e nero e a colori, analogiche e digitali.

Le foto per la selezione vanno inviate in bassa risoluzione a questa mail: info@cristinabisa.com entro il 12 febbraio, indicando titolo, formato di stampa (minimo 30x40 e massimo 50x70) e supporto che si intende utilizzare per montare le foto.
Vino Bono Enoteca comunichera' entro la mezzanotte del 13 febbraio le foto e i fotografi selezionati.

Le foto vanno consegnate in enoteca tassativamente entro il 26 febbraio, gia' montate e predisposte per essere appese, pena l'esclusione dalla mostra.

La mostra durera' dal 28 febbraio 2015 al 24 marzo 2015.
La partecipazione e' completamente gratuita.
Le foto possono essere messe in vendita a discrezione dei fotografi.
L'intero ricavato andra' ai fotografi.
Le foto invendute saranno restituite.

Le spese per la stampa e il montaggio sono a carico dei fotografi, Vino Bono si occupera' dell'allestimento e dell'ufficio stampa.
Per avere ulteriori info scrivete a info@cristinabisa.com.

Pagina su Facebook...
 

 Inserita il 26 gennaio 2015 da SteO (G+), nella categoria Mostre.
cosima_enzo_dal_verme
Mercoledì 4 marzo alle ore 19 all'Istituto Italiano Di Cultura di Barcellona, in collaborazione con IED Istituto Europeo di Design, inaugura la mostra "Ritratti In Silenzio" di Enzo Dal Verme. L'Istituto Italiano di Cultura di Barcellona, organismo ufficiale dello Stato italiano, ha voluto il fotografo italiano proponendo la sua mostra all'interno del calendario di eventi culturali che hanno l'obiettivo di promuovere e diffondere la cultura italiana nel Levante spagnolo: Catalogna, Aragona, Comunità Valenziana, Murcia, Isole Baleari ed il Principato di Andorra.

Le immagini esposte hanno una impostazione semplice, un volto e un gesto, come nei quadri della tradizione ritrattistica italiana che hanno affascinato il fotografo durante i suoi studi di storia dell'arte. Ad esempio i ritratti di Giovan Battista Moroni, artista cinquecentesco famoso soprattutto per la capacità di coniugare la fedeltà al modello, anche con le sue imperfezioni fisiche, con l'indagine introspettiva, da cui l'intensità e la quiete che caratterizza gli sguardi.

...continua
 


Pagina 1 di 108
 1  2  3  4  5 ....
Successiva
 

PhotoRevolt.com - Comunità Fotografica Indipendente - Fotografia Digitale e tradizionale - ISSN: 1825-7976.
Fondato da Stefano Arcidiacono. Leggi la nota di copyright, visualizza la mappa del sito o le statistiche.

RSS  XML  ATOM