Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni leggere la nostra informativa.
Chiudi
F.A.Q.

Torna alla lista delle F.a.q.

Cosa sono gli hotpixel e i deadpixel ?
Ultimo aggiornamento: 09.11.2004

I sensori digitali sono degli strumenti delicati e complessi, su milioni di pixel (sarebbe meglio chiamarli fotodiodi, visto che i pixel sono quelli di uno schermo), è fisiologico che una certa quantità non funzioni perfettamente e in alcuni alla nascita o dopo intenso uso, qualcuno smetta completamente di funzionare.

Quando un pixel non funziona correttamente viene definito "hotpixel", questo generalmente si comporta normalmente, mostrandosi come un puntino colorato solo quando si eseguono scatti con tempi lunghi, parliamo di decine di secondi. Su una DSLR da 6-8MP, generalmente appaiono intorno ai 20 secondi di esposizione, in misura che va da pochi punti alla decina. Alcune macchine consentono all'utente di "mappare" questi punti, sfruttando quelli vicini per colmare l'informazione mancante, sulle macchine che non dispongono di questa funzione è possibile rimediare con un programma apposito, ad esempio:

Hotpixel Killer

HotPixels Eliminator

I deadpixel si mostrano invece in ogni situazione, essendo clinicamente morti e quindi incapaci di fornire alcun segnale, se non un eloquente bianco totale. Se la vostra fotocamera è in garanzia, contattate l'assistenza e chiedete lumi su come procedere, altrimenti rimediate con i programmi sopraccitati.

Un altro programma utile è StarZen Dead Pixel Test, capace di individuare e contare entrambe le tipologie di pixel difettosi, per poter funzionare ha bisogno di un'immagine scattata con i seguenti parametri:

• Obiettivo coperto
• Se reflex, coprite il mirino per evitare infiltrazioni
• ISO al valore minimo
• Diaframma a tutta apertura
• Risoluzione massima (non interpolata)
• Tempo lungo, anche 30 secondi
• Utilizzate se disponibile un file senza perdita di dati (non jpeg)

 

PhotoRevolt.com - Comunità Fotografica Indipendente - Fotografia Digitale e tradizionale - ISSN: 1825-7976.
Fondato da Stefano Arcidiacono. Leggi la nota di copyright, visualizza la mappa del sito o le statistiche.

RSS  XML  ATOM