Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni leggere la nostra informativa.
Chiudi
F.A.Q.

Torna alla lista delle F.a.q.

Cos'č il fattore di crop? Gli obiettivi nati per il digitale ne tengono conto?
Ultimo aggiornamento: 14.11.2004

Il "fattore di crop" nasce per via delle differenti dimensioni tra il sensore delle reflex digitali e il formato 35mm, per cui gli obiettivi sono stati originariamente progettati.

Escludendo poche e costose fotocamera, la maggior parte delle reflex monta sensori pių piccoli del formato 35mm, vicini piuttosto al formato APS; questo fa si che il sensore catturi solo parte dell'immagine realmente fornita dall'obiettivo, dando cosė la sensazione che la focale si allunghi, di un certo valore (1.3, 1.5, 1.6, etc...).

In realtā, la focale reale non cambia di un solo mm, avviene piuttosto quello che accadrebbe se dopo aver stampato un fotogramma da un negativo 35mm, si "tagliasse" il negativo al centro si effettuasse una seconda stampa, con le stesse dimensioni della prima; ovviamente apparirebbe come fatta da un obiettivo pių lungo.

Gli obiettivi progettati per il digitale, come i Canon EF-S, le ottiche per il formato 4/3 e tutte quelle contraddistinte da una sigla in tema, riportano sempre la focale "reale", che va quindi moltiplicata per il fattore di crop.

Per comprendere meglio il concetto, fate riferimento all'immagine sottostante:


 

PhotoRevolt.com - Comunità Fotografica Indipendente - Fotografia Digitale e tradizionale - ISSN: 1825-7976.
Fondato da Stefano Arcidiacono. Leggi la nota di copyright, visualizza la mappa del sito o le statistiche.

RSS  XML  ATOM