Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni leggere la nostra informativa.
Chiudi
F.A.Q.

Torna alla lista delle F.a.q.

La mia Canon EOS considera il flash solo in P e Auto!
Ultimo aggiornamento: 16.12.2004

Tutto sta nel capire come ragiona il sistema esposimetrico, se tu scattassi solo appoggiandoti alla luce del flash, nel tuo fotogramma otterresti correttamente esposte solo quelle zone inquadrate che si trovano ad una distanza dalla macchina tale che dist = ng/d, dove ng è il numero guida che indica la potenza di emissione del flash e d è il diaframma che stai utilizzando.

Normalmente però, raramente quel che compare nel fotogramma si trova più o meno alla stessa distanza dalla macchina, più spesso capita che ti ritrovi un soggetto a distanza ridotta ed uno sfondo distante.

Per ottenere quindi delle immagini in cui riesci ad apprezzare anche lo sfondo, e non solo il soggetto illuminato dal flash, devi bilanciare la quantità di luce presente nella scena e quella che dai tu con il flash.

Il comportamento che descrivi tu serve proprio a questo, in pratica hai che:

AV: è una modalità quasi suicida da usare con i flash. La macchina tende ad esporre tenendo conto della luce ambiente per rendere leggibile tutta la scena, con il rischio di scattare con tempi biblici. Hai il controllo della pdc (profondità di campo) nello scatto, ma a meno di usare la macchina sul cavalletto per ottenere effetti particolari (classico sincronizzare il flash sulla seconda tendina e scattare una foto ad una macchina in movimento, in modo da avere le scie delle luci che terminano sulla macchina "congelata" dal flash) ti sconsiglio caldamente questa modalità.

TV: qui si ragiona, nel senso che imposti il tempo di esposizione; ma di
sera/notte scatterai praticamente sempre a tutta apertura (la macchina ti
indicherà una sottoesposizione, ma te ne puoi fregare, perchè sarà sottoesposto lo sfondo lontano, non quanto illuminato dal flash) e provvederà il sistema TTL a dosare la potenza del flash, tagliandone l'emissione (a meno che ovviamente non lo faccia tu impostandone la potenza in manuale).

M: in questa modalità hai il pieno controllo di tempi e diaframmi, lo scotto che
pagherai sarà però di avere una zona di profondità limitata, che sarà correttamente esposta, con quanto davanti sovraesposto e quanto dietro invece
sottoesposto (come al solito è ovvio che stiamo parlando di uso del flash di sera/notte, perchè se lo usi di giorno come fill-in non hai problemi di sorta). L'esposimetro (per il solito discorso fatto prima) ti dirà che è tutto sottoesposto, ma all'atto pratico, se stai lavorando in TTL provvederà lui a dosare la luce del flash, se invece stai lavorando in manuale vale la solita regoletta dist=ng/d. Ovviamente niente e nessuno ti vieta di giocare con le coppie tempo/diaframmi, in modo da ottenere un discreto bilanciamento di luce ambiente e luce flash.

P: questo modo è pensato per consentire al fotografo di scattare senza dover pensare alla regolazione della macchinam consentendogli di portare a casa una foto decente. Per questo motivo l'esposimetro ragiona in termini di A) cerco di bilanciare la luce ambiente con quella del flash ma soprattutto B) imposto un tempo che mi consenta ragionevolmente di scattare con molte ottiche (1/60 di secondo), senza darmi problemi di mosso con macchina a mano libera. Ed ecco il perchè del comportamento diverso rispetto alle priorità di tempi e diaframmi, in cui il fotografo si prende tutte le responsabilità di come imposta la macchina.
Quindi, in base a quelle che sono le tue idee, devi scegliere tra le modalità che ci sono.

Io personalmente quando uso il flash lavoro praticamente sempre in M, in modo
da avere il controllo di tempi e diaframmi e quindi mi affido al TTL, che è
ottimo per il dosaggio del lampeggiatore.

Da un post di Zott !!!

 

PhotoRevolt.com - Comunità Fotografica Indipendente - Fotografia Digitale e tradizionale - ISSN: 1825-7976.
Fondato da Stefano Arcidiacono. Leggi la nota di copyright, visualizza la mappa del sito o le statistiche.

RSS  XML  ATOM