Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni leggere la nostra informativa.
Chiudi
F.A.Q.

Torna alla lista delle F.a.q.

Formato RAW contro Jpeg, alcune veritÓ ed un po' di bugie...
Ultimo aggiornamento: 14.04.2006

Il formato RAW ha una maggiore gamma dinamica del Jpeg - Vero
Il sensori delle fotocamere digitali in genere sono in grado di fornire una profonditÓ colore di 12bit (4096 sfumature), utilizzabile in fase di conversione dal RAW per recuperare un'immagine sottoesposta sino a 2 stop circa, prima di produrre un tradizionale file a 8bit (256 sfumature).

I file RAW presentano minori aberrazioni cromatiche - Falso
L'aberrazione cromatica Ŕ un difetto dell'obiettivo, non ha nulla a che fare con il sensore ed i file da esso prodotti.

La compressione del formato JPEG diminuisce i dettagli - Dipende
Per sua natura il formato JPEG elimina dei dati che ritiene ridondanti, per diminuire la dimensione del file, effetto non visibile se si applica una compressione moderata.

La compressione del formato JPEG provoca degli artefatti - Dipende
Come sopra, i file a bassa compressione di una buona fotocamera non mostrano artefatti, tranne che in quei casi sporadici in cui la composizione dell'immagine Ŕ particolarmente adatta alla formazione di questi sgradevoli effetti.

Il formato RAW supporta la gestione dello spazio colore, il JPEG no - Falso
L'unica differenza Ŕ che in JPEG lo spazio si deve impostare prima dello scatto, in RAW lo si pu˛ fare al momento della connessione.

 

PhotoRevolt.com - Comunità Fotografica Indipendente - Fotografia Digitale e tradizionale - ISSN: 1825-7976.
Fondato da Stefano Arcidiacono. Leggi la nota di copyright, visualizza la mappa del sito o le statistiche.

RSS  XML  ATOM