Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni leggere la nostra informativa.
Chiudi
Glossario

 
0~9 · A · B · C · D · E · F · G · H · I · J · K · L · M · N · O · P · Q · R · S · T · U · V · W · X · Y · Z

· E6
Processo standard per lo sviluppo delle pellicole Kodak Ektachrome, e compatibili.

· Easel
Attrezzo per bloccare la carta, durante l'esposizione.

· EF (lenti)
Serie di lenti Canon con messa a fuoco automatica.

· EOS
Sigla introdotta da Canon nel 1987 per indicare le sue reflex autofocus ed i relativi accessori, acronimo di "electro-optical system" e nome della dea Greca del l'aurora.

· Esposimetro
E' un dispositivo che misura la luminosità della scena o di una parte di essa; può essere separato o incorporato nella fotocamera e la sua classificazione avviene in base al tipo di lettura effettuato; gli esposimetri separati leggono la luce incidente sul soggetto mentre gli esposimetri delle fotocamere effettuano la lettura della luce riflessa.

Vedi anche: Esposimetro semi-spot

· Esposimetro semi-spot
Esposimetro che effettua una lettura della luce operando una media fra l'area centrale, sulla quale si concentrerà la maggiore percentuale della sensibilità di lettura, e la restante parte della scena.

Vedi anche: Esposimetro, Esposimetro spot

· Esposimetro spot
Questo tipo di esposimetro effettua la lettura della luminosità della scena concentrando la lettura su di un'area ridottissima, addirittura assimilabile ad un punto nelle apparecchiature professionali.

Vedi anche: Esposimetro semi-spot, Esposizione

· Esposizione
Quantità di luce che giunge alla pellicola/sensore, determinata dalla coppia tempo/diaframma.

Vedi anche: Esposimetro spot

· Esposizioni multiple
Tecnica fotografica creativa che si ottiene con la sovraimpressione di due o più immagini sullo stesso fotogramma. Le fotocamere automatiche sono dotate di un apposito programma che permette questa sovrapposizione e la compensazione necessaria a ciascuna immagine, mentre nelle fotocamere meccaniche è necessario bloccare la pellicola agendo sul pulsante di riavvolgimento.

· eTTL (Evaluative Through The Lens)
Modalità TTL valutativa, utilizzata sugli apparecchi Canon. A partire dalla 1DmkII, Canon ha apportato delle ulteriori modifiche al sistema, includendo la distanza del soggetto (ottenibile con gli obiettivi predisposti) tra i parametri di calcolo, denominando la nuova versione eTTL II.

Vedi anche: eTTL II, Flash, TTL (Through The Lens)

· eTTL II
Introdotto nel 2004 da Canon, come evoluzione della prima versione, contiene una serie di novità che migliorano l’utilizzo automatico del flash. In particolare, questa seconda versione è in grado di utilizzare la distanza dal soggetto nei calcoli (con gli obiettivi in grado di fornirla), ed effettua una misurazione appena prima del pre-lampo, confrontandola con quest’ultima per evitare anomalie dovute a zone che riflettono troppo il pre-lampo.

Vedi anche: eTTL (Evaluative Through The Lens)

· EV (Exposure value)
Scala di valori utilizzata per indicare la sensibilità di un sistema TTL o di un esposimetro esterno.

· EVF (Electronic viewfinder)
Mirino elettronico costituito da un display LCD che riceve le immagini dal sensore principale, utilizzato in diverse compatte avanzate e sulle fotocamere EVIL.

Vedi anche: EVIL = Electronic Viewer Interchangeable Lens

· EVIL = Electronic Viewer Interchangeable Lens
Con l'evoluzione dell'elettronica è stato possibile concepire delle "reflex non reflex", ovvero delle macchine fotografiche ad ottica intercambiabile prive dello specchio, del pentaprisma e del mirino ottico, che è stato sostituito da uno elettronico (EVF) o completamente eliminato lasciando il display LCD posteriore come unico mezzo di composizione.

Il vantaggio di questo sistema è una sostanziale riduzione delle dimensioni del corpo macchina, che se accompagnate da un sensore di formato ridotto come il 4:3 portano anche a delle ottiche molto compatte.

Questa generazione di nuove macchine ha visto la luce grazie all'accordo tra Olympus e Panasonic sul sistema "micro 4:3", che ha dato la luce nel 2008 alla prima "EVIL", la Panasonic G1.

Successivamente hanno visto la luce sistemi veramente compatti, quali la serie "PEN" di Olympus, che richiama nell'aspetto una storica macchina fotografica, e la Lumix GF1. Entrambi i sistemi ricordano delle macchine compatte più che delle reflex, proponendosi come macchine ideali per chi cerca un buon compromesso tra la qualità di una reflex ed il peso/ingombro di una compatta.

Vedi anche: DSLR (Digital Single Lens Reflex), EVF (Electronic viewfinder), SLR (Single Lens Reflex)

· Eye Controlled Focus
Sistema ideato da Canon che consente di controllare il punto di messa a fuoco semplicemente "guardandolo", il sistema infatti legge la posizione dell'occhio e imposta il punto di messa a fuoco di conseguenza.

Vedi anche: Autofocus


 

PhotoRevolt.com - Comunità Fotografica Indipendente - Fotografia Digitale e tradizionale - ISSN: 1825-7976.
Fondato da Stefano Arcidiacono. Leggi la nota di copyright, visualizza la mappa del sito o le statistiche.

RSS  XML  ATOM