Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni leggere la nostra informativa.
Chiudi
Glossario

 
0~9 · A · B · C · D · E · F · G · H · I · J · K · L · M · N · O · P · Q · R · S · T · U · V · W · X · Y · Z

· Back Focus
Difetto dell'ottica e/o della macchina, che porta la messa a fuoco a trovarsi dietro al punto prescelto.

Vedi anche: Front Focus

· Backlighting
Luce proveniente da dietro il soggetto, può causare sottoesposizione, se l'esposizione automatica non viene corretta.

· Baionetta
Le macchine fotografiche moderne ad obiettivi intercambiabili, dispongono di un attacco a “baionetta” proprietario (differente per ogni marca); inserendo e ruotando l’obiettivo di 90° in una direzione si blocca, premendo un pulsante e ruotandolo nella direzione opposta si sblocca.

· Banco ottico
Tipo di fotocamera utilizzata per la fotografia medio formato. E' un apparecchio dotato di una parte anteriore con l'ottica ed una posteriore contenente la pellicola in lastra piana; ha la possibilità di compiere spostamenti relativi fra le sue componenti, con la conseguente correzione delle linee cadenti. Ha inoltre la peculiarità di produrre immagini con una profondità di campo notevole. Per l'ingombro considerevole dell'apparecchiatura, il banco ottico è destinato in genere a foto professionistiche di studio.

Vedi anche: Grande formato

· Bank
Si tratta di un gruppo luce da studio. La luce emessa è in genere a basso contrasto e molto intensa; l'apparecchiatura ha dimensioni e potenza notevoli.

· Between-the-lens shutter (otturatore)
Otturatore posto nell'obiettivo, dietro il diaframma.

· Bianconero
Tecnica fotografica che riproduce il mondo in tonalità di grigio, realizzata con apposite pellicole o in post-produzione, tramite programmi di fotoritocco.

· Birdwatching
Osservazione pacifica degli uccelli, nel loro ambiente naturale.

Vedi anche: Digiscoping

· Blooming
I sensori delle macchine fotografiche, sono formati da milioni di fotodiodi (unità sensibili alla luce), che possiedono una capacità non-infinita di raccogliere e misurare la luce proveniente dall’obiettivo. Quando la quantità di luce, o meglio di fotoni ricevuti, supera la capacità (Full Well Capacity) del fotodiodo, questi “traboccano” invadendo i fotodiodi vicini e causando osì un effetto “macchia bianca” nella foto.
Per limitare il problema, diversi sensori sono dotati di appositi filtri di “drenaggio” per i fotoni in eccesso, chiamati per l’appunto filtri anti-blooming.

Vedi anche: CCD (charge-coupled device), CMOS (complimentary metal-oxide semiconductor)

· Bokeh
Termine giapponese utilizzato per indicare la "qualità dello sfocato".

· Bounce (rimbalzo)
Luce fatta rimbalzare su di una superficie, per ottenere un illuminazione più naturale. Ad esempio la luce del flash contro il tetto bianco, o quella dei faretti da studio contro gli ombrelli (Brollies).

· Bracketing
Funzione che permette di eseguire in automatico una serie di scatti a "forcella", con variazione dell'eseposizione per ognuno di essi. Per esempio, tre scatti in bracketing avranno esposizione a 0 (quella impostata da noi), -1 e +1 EV.
Il bracketing si applica a tutti i parametri di scatto (tempo e diaframma, oppure compensazione del flash), e nel digitale si può estendere anche al bilanciamento del bianco.

Vedi anche: ABC (Automatic bracketing control)

· Brollies (Ombrelli)
Ombrelli bianchi o argentati su cui far rimbalzare la luce in studio.

· Buffer
In campo fotografico è l'area di memoria in cui le fotocamere digitali memorizzano l'immagine, prima di scriverla sul supporto removibile.
Questo perchè l'accesso al buffer e decine di volte più rapido, di quello ad altri tipi di memoria.
La capacità di effettuare foto a raffica, dipende strettamente dalle dimensioni del buffer stesso.

· Bulb (Posa B)
La lettera "B" è l'abbreviazione di Bulb, che ricorda il termine inglese per la pompetta di scatto, in gomma, di cui erano dotate le fotocamere dell'Ottocento. Nelle fotocamere odierne la posa B indica l'impostazione manuale dell'otturatore, che permette un tempo di posa che può essere protratto per tutto il tempo programmato dal fotografo, in genere superiore ai 30 minuti, tempo limite di esposizione automatica delle moderne reflex autofocus.


 

PhotoRevolt.com - Comunità Fotografica Indipendente - Fotografia Digitale e tradizionale - ISSN: 1825-7976.
Fondato da Stefano Arcidiacono. Leggi la nota di copyright, visualizza la mappa del sito o le statistiche.

RSS  XML  ATOM